05
dic
09

Sowing the seeds of love

Per essere che io, in inverno, andrei volentieri in letargo… sto correndo come un pazzo.
Che poi, per i miei standard, vuol dire che in un mese sono sceso a Torino 2 volte.
Ciascuno ha la sua soglia del dolore. La mia è molto bassa.

Sulla lista della Libera Scuola Emila Hazelip si è da poco accesa un’interessante conversazione sui metodi di coltivazione dei cereali…
Aggiungo qui i testi citati di là (che ovviamento non ho tradotto visto che attualmente sono impeganato nella babelica opera di recuperare uno sciacquone per il cesso) in modo che siano disponibili a chiunque… se poi qualcuno di questi chiunque li traducesse al posto mio… non mi offendo mica.

PS.- scusate la citazione del titolo ma ho avuto un rigurgito anni ’80… difficili da digerire…

About these ads

12 Responses to “Sowing the seeds of love”


  1. dicembre 6, 2009 alle 12:42 pm

    E con Medo siete in 2. Devo aspettarmi un duello rusticano tra omaccioni nerboruti sotto casa?
    Può partecipare anche Noemi? (piacchia sodo!) :D :D

  2. 3 federico
    dicembre 6, 2009 alle 7:28 pm

    se c’è anche Noemi allora no… contro un uomo si…ma contro una donna MAI! sarebbe una battaglia persa in partenza! :D :D :D

  3. 4 Davide
    dicembre 6, 2009 alle 11:11 pm

    Bravo Nicola, diffondi il sapere e dai l’esempio a tutto il gruppo Emilia Hazelip..
    queste dispense le sento in compartecipazione :) la terza l’avevo quasi tradotta tutta prima di spedirtela… se sono in luna buona tra qualche giorno la finisco e la mando anche sul gruppo Hazelip chissà che qualche altro traduttore si metta al lavoro anche su altri argomenti…
    a presto!

  4. 5 Salvatore
    dicembre 10, 2009 alle 1:31 pm

    io non lo amo, ma lo stimo. Và bene lo stesso? :D
    questa delle graminacee è una cosa che ancora non ho affrontato. In parte perchè non le ritengo così necessarie. Vogliamo carboidrati? ci sono le patate e anche i legumi fanno la loro parte. se proprio serve farina non è più facile dedicarsi al mais?
    va bè per me è facile, sono del tutto indifferente al pane.
    Però sto pensando di utilizzare qualche graminacea per ricavare paglia per pacciamare. E’ da quando ho cominciato a coltivare in sinergico che ho difficoltà a reperirla. Chi ce l’ha se la tiene stretta! Con il mio socio abbiamo a disposizione, oltre a gli orti, circa 2000 mq di terreno incolto parzialmente coperto da trifoglio. Quasi quasi mi lancio. Consigli su che specie utilizzare? Naturalmente in stile Bonfils ;)
    Il miglio? L’ideale sarebbe una pianta che ha la possibilità di cavarsela senza soccorsi irrigui. Speriamo che si continui a parlarne anche nella mailing della Libera Scuola Hazelip.
    Un saluto a tutti

    • dicembre 10, 2009 alle 1:55 pm

      Ecco, vedi! Mai che mi si filino i migliori!! :D
      La discussione continuerà sulla mailing list… dammi il tempo di uscire dal 1° Permablitz!!
      Sorgo. dalle tue parti consiglio il sorgo e l’amaranto.
      Però sto trafficando con lo sciacquone del cesso per l’orto urbano e sono un po’ confuso. Ma poi mi riprendo…
      Nel frattempo: forumizzate :) (ma senza picchiarvi please)

  5. 7 Salvatore
    dicembre 10, 2009 alle 5:28 pm

    -Però sto trafficando con lo sciacquone del cesso per l’orto urbano e sono un po’ confuso-
    :D:D
    Per fortuna lo conosco e posso dire che non è un pazzo. Che ridere!!
    Mi anticipi sorgo e amaranto? bene approfondisco.
    bye

  6. 8 Luca
    dicembre 11, 2009 alle 11:32 pm

    OT per techie farmers: http://code.google.com/p/cropplanning/
    Programmino per la gestione dell’orto, non mi sembra che sia strutturato male ma il DB delle varietà (spaziatura, rese, ecc.) bisogna farselo da soli

    • dicembre 12, 2009 alle 12:29 am

      Ce l’ho da qualche giorno e lo sto provando. A mio parere ha il difetto di tutti i database: è rigido come un mattone e (va da sè) mal si sposa con intercropping, consociazioni e “famolo strano” in genere.
      Per il Contadino Geek tradizionale però non è male.

  7. 10 Davide
    febbraio 12, 2010 alle 6:55 pm

    é passato qualche mese… ma sono di parola, per divulgare la traduzione dovevo esser certo che fosse corretta così un grazie mille a Federica che ha corretto la mia traduzione e l’ha completata.
    E’ assolutamente affidabile (lavora nella City) anche se non ferrata di agricoltura..
    Nicola provvederà ad aggiungere…
    ciao a tutti!

  8. 11 Davide
    febbraio 14, 2010 alle 10:37 pm

    ps
    ma che aggiungerà Nicola?
    mancava un pezzo di frase: Nicola provvederà ad aggiungere i disegni e divulgare!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 607,709 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta

spina

gorgogliatore

fermentatore

Altre foto

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 87 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: