09
Lug
08

diario di campagna n°121

FINE GIUGNO
Pare che, di tanto in tanto, 2 foto siano gradite ed avendo messo le mani su una macchina fotografica di passaggio… ecco qua…


13 Responses to “diario di campagna n°121”


  1. luglio 9, 2008 alle 12:17 am

    Ipnotizzata dalla spirale odorosa e dal fascino della cresta…che non tramonta mai!
    Graditissime queste foto.
    Ciao Nicola.
    a.o.

  2. luglio 9, 2008 alle 12:24 am

    Signorina a.o., è un piacere poter presentarLe “il Pollo” (in mancanza di meglio questo è il nome toccatogli in sorte) e desolato, la spirale, causa esagerato rigoglio, non è così visibile. Ma tanto sarebbero noiosi dettagli tecnici. Che tempismo: io posto e Lei commenta!
    Ciao a.o. !

  3. 3 Gianluca
    luglio 9, 2008 alle 10:18 am

    bravo Nicola, finalmente delle foto di nome e di fatto🙂
    Direi che hai proprio realizzato un otimo lavoro, l’idea della spirale aromatica non riusciva ancora a convincermi completamente, ma dopo aver visto quanto è efficace credo proprio che nel momento in cui leverò dal giardino la baracca metallica e rifarò il muretto a secco (è più giusto dire simil secco perchè il precedente proprietario ha pensato bene di ficcarci dentro almeno un bel 30% di cemento!!!) vedrò di modellarlo in modo da creare una zona curva in cui creare un’ampia spirale che terminerà in un micro stagno (che farà parte della dimora di Tarta) e già che ci siamo vedremo se l’acqua di tartaruga (scusate il termine, ma “caga quanto un dinosauro!!!!”) può essere utilizzata come concime per le piante.
    per l’orto ….. è una figata!!!! anche i sostegni dei secchi (ce nelle prime foto stonavano un pò in quella landa di paglia) han trovato la loro giusta funzionalità, non immaginavo che avrebbero fatto da sostegno per le piantine rampicanti, ma deo dire che svolgono egregiamente anche questa funzione
    Ma i 75 “fortunati” son destinati all’ingrasso ed alla successiva fittura o in quanto verucosi rospacci si limiteranno a tener a bada gli insetti nelle aree degli orti???
    Infine, papà o …….. “pollo” ?! Mi pare che fossero due i pretendenti alla paternità???? Mater certa est, pater numquam …………… non ti sarai mica messo a fare l’esame del DNA!!!!!😀
    Ciao a tutti

    a.o. non mi hai ancora contattato per la degustazione, bricchina, biricchina

  4. luglio 9, 2008 alle 10:41 am

    Anche la mia spirale finisce in una pozza (grosso vaso di terraccotta piantato nel terreno) ma mi sono limitato ad un paio di piantine acquatiche per l’ossigeno. Occhio alla tarta! Se è di quelle con le strisce rosse sul capino, libera diventa un mostro famelico e carnivoro (buono per combattere i cinghiali).
    I 75 fortunati sono stati salvati da una pozza che si stava prosciugando e conto di convincerne qualcuno a rimanere a vivere con noi (qualche zanzara in meno?). Qui sono merce pregiata come insetticida. E troppo piccole per l’uso alimentare.
    Su Pollo, bhè, è una supposizione, comunque quello nella foto è il dominante…

  5. 5 Gianluca
    luglio 9, 2008 alle 11:13 am

    le strisce son gialle ed è destinata a crescere😉
    ho capito, niente frittura di cosce di rana, vorrà dire che oltre ad approntare un pò di pozze dovrai rassegnarti all’idea di abbandonare le infradito per andare nell’orto ….. anche loro saran un buon motivo per ricevere visita da parte di rettili striscianti. he he he
    Il fatto che lui sia il dominante non è una certezza, da che mondo e mondo il dominante se ne va in giro per il pollaio a far vedere quanto e figo e l’altro intanto se ne sta rintananto al chiuso a zompà la pollastra😀

  6. 6 alessandro
    luglio 10, 2008 alle 3:52 pm

    di questi tempi quando vedo un’orto non posso fare a meno di gioire.
    mi da’ l’idea di un sano equilibrio uomo natura. mah, mi sa che il mio desiderio di campagna ha superato la soglia di sicurezza!🙂

  7. 7 aiuolaodorosa
    luglio 10, 2008 alle 10:01 pm

    Questo desiderio è assai contagioso… allarme!
    a.o.

  8. luglio 10, 2008 alle 10:27 pm

    Direi proprio di si… a meno che il top di accessi di ieri (quasi 500) non siano tutti dovuti a Gianluca ed il mio babbo… sono perplesso, io lo facevo tanto per fare… adesso mi tocca quasi comunicare sul serio…🙂

  9. 10 alessandro
    luglio 11, 2008 alle 9:20 am

    …oops è partito il post da solo prima:/

    dicevo che qualche tempo fa ho letto un libro molto interessante proprio sul neo ruralismo, si chiama “voglia di campagna”, autore valerio merlo. Approfondisce bene da vari punti di vista il nuovo rapporto campagna città che sta emergendo…senza troppe illusioni romantiche.

    Del resto come dice il Contadino, prima la gente viene in campagna per il silenzio e la natura…poi la prima cosa che fanno è comprarsi il tosaerba e via a tagliare il pratino tutto il giorno😀
    http://www.vogliaditerra.com/archivio/natura/tutti_in_campagna.html

  10. luglio 11, 2008 alle 10:01 am

    Si bello il libro. Il mio approcio è stato, vengo in campagna così posso fare il casino che mi pare (con i cani, gatti, galli ecc…) poi ho guardato il prato è ho pensato “capriole!!!”. A tagliarlo ci pensava l’anatra (sigh, pace all’anima sua)

  11. 12 Gianluca
    luglio 11, 2008 alle 11:31 am

    non esageriamo, qualche acceso l’ho fatto, ma …… 😀
    Ma dimmi un pò, vuoi farmi credere che per tenere buona l’erba basta un anatra O O ??????????
    Non so come la prenderebbe Dana (la cagnaccia che mi sta distruggendo tutto, mi scava buchi sia nel tavolo in legno massello che nel cemento, nonchè sta demolendo una pietra per volta il muretto sil “a secco” con tanto cemento per prendere le lucertole) e Kikio (la gattaccia indolente mangia crocchette che mi porta i topini, vivi, in casa), ma sarebbe un esperimento da provare !!!!!!

  12. luglio 11, 2008 alle 12:04 pm

    Ieri 12 accessi erano tuoi… non sono molti quelli da LaSpezia… Bò, la mia andava bene ma mi dicono che siano meglio le oche (che sono anche più grosse ed in grado di difendersi). Io, comunque, tengo i cani da un’altra parte. Sono ex cittadini e non riescono ad abituarsi alla vita bucolica con le altre bestiole…


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

Prese al volo e rilanciate

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 714,550 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta

spina

gorgogliatore

fermentatore

Altre foto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: