01
Ago
08

diario di campagna n°144

Il Pioppo è pianta ad alto fusto appartenente alla famiglia delle salicaceae e al genere Populus.
Il nome pare derivare dal latino. I romani si riferivano a lui come all’arbor populi (albero del popolo) probabilmente riferendosi al rumore prodotto dal vento che, soffiando attraverso i suoi rami, produceva un suono simile al brusio di una piazza affollata

Sono seduto.

Il genere Populus viene suddiviso in cinque sezioni (o divisioni): Turanga – Leuce – Aigeiros – Tacamahaca – Leucoides: di questi, solo due crescono spontaneamente in Italia: il Leuce (di cui fanno parte i pioppi bianchi ed i tremoli) e gli Aigeiros (o pioppi neri).

La pila che ho con me si sta scaricando. Sono seduto. Da molto.

Il pioppo è una bella pianta ornamentale sia in gruppo che isolata o in filari, abbellisce dando un aspetto festoso e austero al paesaggio in cui è collocato e in autunno è uno spettacolo di colori quando le sue foglie iniziano a ingiallire.

La punta degli stivali di gomma riflette gli ultimi bagliori della lampadina.

Il pioppo in Italia ha una parte importante nell’arboricoltura da legno: viene infatti impiegato per vari usi come la fabbricazione di fogli di compensato, cassette da imballaggio, carta, fiammiferi, pannelli di compensato, ecc.. Apprezzato anche per motivi ornamentali, viene impiegato nei parchi, nei giardini e nei viali delle città. Lo si può trovare in tutta Europa fino al Circolo polare, nell’America settentrionale, in Asia e nell’Africa del Nord.

L’acqua ed il fango hanno attraversato il cotone dei jeans sotto il culo. Dentro gli stivali l’acqua si sta scaldando al calore del mio corpo.
Sono seduto. Nel fango.

A seconda dei tipi di coltivazione, ne vengono classificate dalle 30 (le maggiormente conosciute) alle 100 specie. Oltre a quelle spontanee, esistono anche degli ibridi creatisi tra i pioppi neri europei e i pioppi neri importati dall’America che si sono incrociati spontaneamente nel tempo rendendo difficile il loro riconoscimento e che vengono classificati sotto il nome di Pioppo euroamericana.

Sono seduto. Nel fango. Con una pila scarica.

Il pioppo è una pianta arborea e dioica e per questo vi sono tipi di albero femminili, i cui fiori sono provvisti di soli pistilli, e altri di tipo maschile, con soli stami.
Le sue foglie sono caduche con nervatura a ventaglio, dotate di un picciuolo abbastanza lungo, in posizione alternata sul ramo e che a volte si presentano in forma e colore diverso pur nello stesso esemplare. Vengono distinte in turionali le foglie con dimensioni maggiori che crescono sui rami più lunghi, e brachiblastali quelle che crescono sui rami più corti, e quindi di piccole dimensioni.
I fiori sono raggruppati a spiga pendente e appaiono all’inizio della primavera, ancora prima dello spuntare delle foglie. Quelli maschili sono più corti e tozzi e compaiono prima di quelli femminili che hanno spighe più lunghe e più pendenti.

Sono seduto. Nel fango. Con una pila scarica. E intanto penso.

Il Populus alba, o pioppo bianco, in condizioni ottimali può raggiungere anche 30 m. di altezza e un diametro di 1,20 m.; di bell’aspetto e molto decorativo, con chioma arrotondata e fusto sia dritto che ramificato e sinuoso. Ha rami robusti che partono a breve altezza dal terreno e le sue foglie sono di forma ovale, la corteccia di colore da bianca a grigio-verdastra è liscia da giovane e diventa ruvida col passare del tempo. Questa specie cresce spontaneamente anche in quasi tutta l’Europa, nell’Africa settentrionale e in Asia. In Italia si trova sulle Alpi fino a 1200 m. di altitudine e sugli Appennini fino a 1400 m..

Penso.
Penso: “Cosa cazzo ci fa un pioppo nel mio orto?”

Rondissone 01.08.2007 h22.00 la tempesta è passata e finita.

(il testo sul pioppo è tratto da wikipedia il resto… è diario di campagna…)


10 Responses to “diario di campagna n°144”


  1. 1 Gianluca
    agosto 4, 2008 alle 1:32 pm

    ekkime, vedo che non per tutti è stato un buon fine settimana

    Nicola
    mi spiace dirtelo ma se il pioppo, che è “comparso” nel mezzo dell’orto, non è una tua nuova sperimentazione di contaminazione fungina di semi di pioppo che ha dato mirabolanti risultati ….. temo resti solo l’evenienza ce sia caduto a causa del maltempo😦 mi spiace

  2. 2 Gianluca
    agosto 4, 2008 alle 1:33 pm

    Alessandro – Vanessa – Nicola
    “Gianluca ai tavoli”, fine serata…. no, non è vero, ho solo controllato che il panino fosse alla giusta temperatura, le patate con il cinghiale non mi risulta che ci fossero e nego assolutamente di aver bevuto la birra (di quel boccale), deve esserci un buchino, incredibile, possibile che non ce ne siamo accorti prima !!!! (secondo me non riusciremmo a guadagnare un gran che🙂 )

  3. 3 Gianluca
    agosto 4, 2008 alle 1:34 pm

    SB
    vieni pure a bere, ma spero per te che tu sia molto veloce nel tracannare😉
    Dimenticavo, prima di arrivare all’uzo ti dovrai scolare un paio di bottiglie di rezina ed ingurgitare almeno mezzo kg di feta con il sale (PS una volta mi è capitato di passare in una cucina di un “ristorante” greco dell’entroterra, di quelli fuori dalle rotte turistiche …. un consiglio, NON LO FARE MAI!!!!)

    Per tutti
    Anche se di origini Torinesi ora sono un “Gabibbo” deportato (per lavoro) in liguria, vivo a Casella (in prov. di GE) e non a Caselle (in prov. di TO), però giro molto, per cui se qualcuno mi invita vado a svuotargli la dispensa e la cantina con somma gioia🙂

    Ciau-zzzzzzzzzzzzz

  4. agosto 4, 2008 alle 1:42 pm

    No. Non era un esperimento. Erano 20 metri di fiammiferi e polpa di carta allo stato brado che atterravano sui miei cavoli e zucchine. Li sto aggredendo con la roncola (per sfogarmi).
    Nota di colore: sotto c’era un gruppo di cuccioli di minilepre dispersi…non so che fine abbiano fatto tre di loro (credo ciclo naturale) ma uno è stato “adottato”…

  5. 5 Gianluca
    agosto 4, 2008 alle 2:15 pm

    quando mi inviti ? Minilepre al sivet gnam gnam (scherzo)
    con la roncola fai poco, se proprio vuoi fare qualcosa di liberatorio vedi di procurarti una accetta (leggera, da singola mano), quando poi sei stanco da bestia che devi proprio fare una pausa da seduto puoi infierire un ultimo colpo tramutandola in tomahawk, anche il lanciare aiuta🙂


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

Prese al volo e rilanciate

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 714,550 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta

spina

gorgogliatore

fermentatore

Altre foto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: