27
Ago
08

gli appunti di emila h. n°4

Si, lo so, la stagione è ormai alle porte e quello che c’era da fare sui pomodori è già stato fatto… ma tenete il tutto buono per il prossimo anno, o aspettate novembre e mettete giù le fave.

Solite scuse sulla traduzione ecc… ecc…

Questo è il PDF degli originali con la traduzione. Così potete stamparvi il tutto senza cavarvi gli occhi a monitor…

Questi gli originali. Dategli un’occhiata prima di scaricarvi il PDF.


5 Responses to “gli appunti di emila h. n°4”


  1. agosto 28, 2008 alle 9:04 am

    JAMES: Tu hai visto la luce!
    JAKE: La banda! La banda!
    JAMES: Tu hai visto la luce!
    ELWOOD: Quale luce?
    JAMES: Lui ha visto la luce!

    Blues Brothers – John Landis, 1980

    Wow che trip, troppo ossigeno al cervello alle 9 di mattina.

    Complimenti per il lavoro!

    • 2 BARBARA
      maggio 3, 2009 alle 10:28 am

      ciao,
      complimenti per il lavoro!
      finalmente mi son letta attentamente gli appunti al pomodoro e reduce da un micro-orto di 2mq gestito in moso assolutamente tradizionale (ognuno ha le sue pecche) mi son lanciata con un amico nell’impresa di orto di 40mq… Ieri abbiam finito di sistemare il terreno, abbiamo acquistato le piantine (quelle che non avevamo da semi piantati da noi), oggi racimolo stallatico e paglia e nei prx giorni facciamo il bancale. Di tutta la superficie a disposizione credo che l’esperimento “sinergico” lo faremo per ora solo su due bancali… Solo che abbiamo una marea di dubbi tipo… ( e non solo sul pomodoro, dato che questo è il nostro primo esperimento “sinergico”
      1) i tubi da irrigazione sono necessari/utili o uno può “innaffiare” ogni giorno?
      2) il letame maturo di cavallo va bene ugualmente al posto della pollina?
      2) pensavamo ad una variante a melanzane del bancale a pomodori (cioè tutto uguale ma al posto dei pomodori melanzane). sempre solanacee solno ma nopn sappiamo se le consociazioni son ok cmq (basilico, fagiolini nani, sedano e cavoli…)

      Sono perfettamente consapevole che da qualche parte in questo bellissimo sito ci sarà una risposta ad ogni nostro dubbio… ma se ci dai due dritte poi ci muoviamo noi in scioltezza…🙂

  2. maggio 4, 2009 alle 9:02 pm

    ciao Barbara ti rispondo per come io faccio le cose…
    1- Dipende da quanto devi baganare. Io non ho impianto di irrigazione (coltivo una mezza palude) ma bagnare tutti i giorni ha due pecche: prima pecca il compattamento del terreno, seconda pecca finiresti per bagnare la pacciamatura e le piantine usufruirebbero ben poco dell’acqua… se sei in una zona sufficienetemete umida una buona pacciamatura può essere quasi sufficiente.
    2- I letami, di qualsiasi tipo, sono comunque sconsigliati in agricoltura sinergica in quanto troppo carichi di azoto (anche se molto maturi) e tendono a sbilanciare i rapporti di corretta relazione nella “rete alimentare” che supporta l’autofertilità del suolo… lo detta pomposa… fai così… fai una prova, nella zona “sinergica” non mettere letami e poi vedi cosa succede.
    3- La variante dovrebbe andare bene… se dai un’occhiata a questo post https://ortodicarta.wordpress.com/2008/04/21/diario-di-campagna-n%c2%b066/ al fondo trovi una serie di risorse utili sulle consociazioni.
    Buon Orto!🙂

  3. 4 Barbara
    agosto 13, 2009 alle 11:33 pm

    ciao,
    i bancali di pomodori alla Hazelip oltre ad essere una gioia per gli occhi continuano a regalarci frutti a volontà. Evviva! L’esperimento con la variante a melanzane ci è sembrato “funzionare” ma è sicuramente meno bello da vedere, nel caso in cui anche l’occhio voglia la sua parte🙂
    gasati da questa insperata produzione (temevamo le piante morissero nel giro di poco per nostra totale incapacità) ci lanceremmo in qualche coltura invernale. Esiste qualche schema a proposito? o hai/avete dei consigli da darci? Bonne nuit


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

Prese al volo e rilanciate

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 714,550 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta

spina

gorgogliatore

fermentatore

Altre foto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: