23
Ott
08

finestra sulla realtà degli altri n°16

Oggi, Luigi di agrobiodiver.se, riportava la notizia del ritrovamento di tracce di sostanze allucinogene in alcune mummie dei deserti Cileni. Pare che le popolazioni Tiwanaku facessero abbondante uso di una sostanza chiamata harmine (in inglese) estratta dalla Banisteriopsis caapi.

Il ché di per sé potrebbe essere una semplice nota di colore. Sinceramente… cosa mi sto a preoccupare se gli antichi cileni si stonavano come biglie?! Buon per loro!
Ma Luigi porta il concetto più avanti citando una tesi, secondo la quale, l’uso di sostanze stupefacenti si sviluppò notevolmente nelle prime società dedite all’agricoltura, prevalentemente come sistema di “dopaggio” per sopportare il duro lavoro nei campi…

Che la teoria sia valida o meno (cosa di cui anche Luigi dubita…), a me, torna prepotentemente in mente il bellissimo articolo di Jared Diamond the worst mistake in the history of the human race in cui viene esposta la teoria secondo la quale il passaggio dallo stato di cacciatori-raccoglitori a quello di agricoltori sarebbe alla base del lento e progressivo incasinamento del mondo così come lo conosciamo… sono sempre più d’accordo con Toby Hemenwey sulla necessità di evolverci verso società orticole complesse…

AGGIORNAMENTO: Non è assolutamente inerente… ma per chi fosse interessato G. ha postato il resoconto dell’incontro di Agricoltura Sinergica che abbiamo organizzato il week end scorso… per poterlo leggere bisogna iscriversi alla mailing list

Annunci

14 Responses to “finestra sulla realtà degli altri n°16”


  1. 1 Daria
    ottobre 24, 2008 alle 11:53 am

    Nicola… bisogna avere un account yahoo o ci si può iscrivere alla mailing list anche senza?
    baci grazie a presto!!!!

  2. ottobre 24, 2008 alle 11:58 am

    (ma Daria lo sa che iscrivendosi alla m/l le tocca poi d’ufficio ospitare il prossimo raduno di permacoltori?)

    L’articolo di J. Diamond sarà senz’altro bellissimo ma non si vede (mistake 404, maybe not the worst)

  3. ottobre 24, 2008 alle 12:00 pm

    “Eden was a Garden not a Farm” vado subito a metterla nelle frasi “para el bronce”! 🙂

  4. 4 Daria
    ottobre 24, 2008 alle 12:02 pm

    magari… vi ospito tutti!!!!

  5. ottobre 24, 2008 alle 12:38 pm

    @ Daria – bisogna crearsi un account yahoo, soprattutto se si vuole dare un’occhiata ai vari messaggi.

    @ equipaje – adesso il link dovrebbe funzionare… credo… grazie della segnalazione!

    Facendo un po’ di gossip “naturale” Emilia Hazelip non amava particolarmente il lavoro di Mollison e lo contestò duramente. Ci sono ancora persone che si attengono a questa diatriba. Ma sempre meno… le buone pratiche sono buone pratiche da qualsiasi parte arrivino…

  6. ottobre 24, 2008 alle 1:11 pm

    Ecco, adesso ho di che leggere per il weekend. Devo solo decidere quale weekend, dannazione. Esiste anche un movimento sulla permacultura, oltre che sulla permacoltura?

  7. ottobre 24, 2008 alle 6:12 pm

    Ok… annosa questione di lana caprina la “U” o la “O” in permac*ltura…
    inizialmente era permacoltura dalla traduzione letterale di permanent agriculture, poi venne inserito il doppio concetto permanent agriculture – permanent culture… incasinando la vita ai permacultori italiani… cultura o agricoltura? a me mi piace l’agricultura!!!

  8. ottobre 25, 2008 alle 9:08 pm

    Un’interpretazione estrema della permacultura denuncia i danni irreversibili provocati ai libri dalle troppe frenetiche compulsazioni. Anche senza arrivare ad aberrazioni quali orecchie agli angoli, sottolineature non a matita o -che il Grande Torchio ce ne scampi- pagine strappate, si danno costantemente casi di lettere sbiadite sino all’inintelligibilità e pagine che vanno via via sbriciolandosi, per la gioia delle Lepisma. Per mantenere ed incrementare la fertilità culturale, dunque, l’ovvia conclusione è: i libri vanno lasciati chiusi. Meglio immaginarseli, ecco.

  9. ottobre 25, 2008 alle 9:26 pm

    Ops… che il Grande Torchio mi abbia in gloria… mi sono reso colpevole di tutti i suddetti peccati!!!

  10. 10 sb
    ottobre 26, 2008 alle 7:48 am

    io se cerco tra due o tre libri riesco a rollarmi una sigaretta, se cerco tra quelli che ho letto anni fa mi faccio anche pane e nutella. ciau ne

  11. ottobre 27, 2008 alle 10:18 am

    E io che pensavo che la permacultura fosse una roba tipo i crediti ECM.

  12. ottobre 27, 2008 alle 10:56 am

    La cosa divertente è che in alcuni posti (inghilterra, australia…) è così… il corso in permacultura vale dei crediti sui piani di studio.
    In italia è vista più come una cosa da club di giardinaggio per fricchettoni…

  13. ottobre 27, 2008 alle 4:14 pm

    Da noi la cultura ha la data di scadenza. di default, non può essere permanente.

  14. ottobre 27, 2008 alle 6:13 pm

    Resisterò alla retorica del “e questo è probabilmente uno dei problemi”.
    Ops! Non ho resistito! 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

Prese al volo e rilanciate

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 737,656 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: