03
Nov
08

finestra sulla realtà degli altri n°17

Daria e Marco sono appena ripartiti.
E’ stato un weekend leggero e piacevole: chiacchere, passeggiate nei campi, giochi…
E come, spesso accade, le idee, i pensieri ed i ragionamenti affiorano a posteriori… mentre si guarda la targa di una macchina che si allontana.

Da questa mia personale “finestra” il mondo è colorato e variegato:
Elfi, singoli autarchici, anarcoecologisti, amanti del giardinaggio, ortolani esperti, dotti, medici e sapienti… e gente normale.
(per informazione, da quella reale invece c’è una spessa coltre di nebbia bianco-grigia, il famoso effetto “bicchiere di latte”).

Spesso, proprio la “gente normale”, è la più interessante ed in grado di creare “cambiamento”.
Il che non si traduce necessariamente nell’adottare filosofie trascendentali, imbarcarsi in radicalismi new-age (è ancora considerabile new?) o infreackettonirsi (per quanto, tornato dalla Sardegna, mi sia trovato con una collezione di scompigliati dreads… dovrò tagliarmi la zazzera!).
Più facilmente si tratta di re-inventare un sovranità sostenibile per se e per la comunità in cui si vive ed agisce.

In questa ottica da grande vorrei essere questo signore. (grazie a Meristemi per la segnalazione e a tutti quelli che “sfondano” il limite dello strumento telematico)

p.s. – Ieri sera ho fatto le ore piccole guardando vecchi film di Doris Day e Cary Grant quindi mi sono svegliato tardi… scopro solo mentre sto scrivendo che Daria e Marco mi hanno preceduto con un post più articolato, che mi li abbiano prestati apposta? 😀


18 Responses to “finestra sulla realtà degli altri n°17”


  1. novembre 3, 2008 alle 3:45 pm

    Guarda, per il buco telematico ti sto preparando una sorpresa particolare.

  2. novembre 3, 2008 alle 4:19 pm

    Cavolo! Adesso entrerò in fibbrillazione come un bimbo a natale!!! Questa è crudeltà sugli animali! (io nella parte moooolto credibile dell’animale!)

  3. novembre 3, 2008 alle 9:42 pm

    Ciao Nicola… che dici di ri/parlare di uno spazio comune collettivo e di scambi reali??
    Buon cammino Renato

  4. novembre 4, 2008 alle 11:11 am

    Nicola: se te stai andando in fibrillazione io invece vado ,da neofita “fuori di testa” per sindrome da ottima iper-informazione super specializzata glop…
    umilmente..per selvatici(renato?)e maristemi .. nicola già lo sà e la fà! è nata (piccolo germoglio)la prima rete del Movimento di Transizione con una sua piattaforma e vari blog: http://transizione.ning.com/
    Ciao a tutti
    P.S. penso e sogno che l’enorme potenziaziale di magnifiche intelligenze pratiche che vedo nei vostri variegati blog collabaranti e coordinati assiemme possano dare vita ad un germoglio….wow..non sò se rendo l’idea!?

  5. novembre 4, 2008 alle 2:15 pm

    Ciao Luca e benvenuto nella versione più bassa, casalinga e sporca del viral marketing!!😀

  6. novembre 4, 2008 alle 4:28 pm

    Oddio! che è il viral marketing? MLM?

  7. 8 Gianluca
    novembre 4, 2008 alle 4:55 pm

    e no, uno si distrae un attimo e dal correre avvinazzati nudi in mezzo ai boschi (mitico sb) si passa a progetti seri!!!!

  8. novembre 4, 2008 alle 6:13 pm

    si! sb dev’essere un bel tipo e meristemi…!wow mi correggo subito non: -..dare vita ad un germoglio..- RIZOMI RIZOMI!! bellissimo il tuo Manifesto bellissimo! OH! comunque per le feste bacchiche sempre pronto qua è pieno di boschi meravigliosi solo al momento è piuttosto umido e scivoloso ,si rischia l’osso del collo…!aspettiamo primavera..rinascita …se non crolla tutto …prima
    ciao a tutti:)

  9. novembre 4, 2008 alle 7:09 pm

    perchè..scusate se abuso della vostra pazienza ed ospitalità (nicola..)dopo la crisi finanziara la prossima botta sarà quella sul picco del petrolio di cui in italia c’è pochissima consapevolezza il prossimo 12 nov la I.E.A. ci dirà che il picco è ufficiale e probabilmente passato da un pò…e poi dulcis in fondo c’è il Climate change tanto per gradire guardate questo sito della N.E.F quelli del “A Green New Deal” istituto economico molto serio, è un pò “terroristico”…ma.. Quando ce vò ce vò..:)
    Buonaserata a tutti voi.

  10. novembre 4, 2008 alle 9:47 pm

    qui http://www.wilsonweb.com/wmt5/viral-principles-clean.htm un’inquietante spiegazione del viral marketing da parte di uno dei suoi teorizzatori…

  11. novembre 5, 2008 alle 12:15 am

    Grazie Nicola domani a mente sveglia me lo studio meglio , questo è invece il sito sul climate change della NEF che ho dimenticato : http://www.onehundredmonth.org ma anche questo : http://350.org/it o questo : http://royalsociety.org/landing.asp?id=1278
    magari li conoscete già ed altri ancora ma…
    buonanotte a tutti

  12. novembre 5, 2008 alle 2:47 pm

    Ti lascio fibrillare fino a lunedi’

  13. novembre 5, 2008 alle 2:54 pm

    aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAaaaaaaaaaaaaaaaaAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAh!
    AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAaaaaaaaaaaaaaaaaaaAAAAAAAAAAAAAAAAAAaaaaaaaaaaAAAAAAAAAAAAAAAAAAAh!
    aaaaaaaaaaaaaaAAAAAAAAAAAAAAAAAAAaaaaaaaaaaaaaAAAAAAAAAAAAAAAAAaaaaaaaaaaaaaaaaAh!
    Ah!
    Esiste una convenzione di ginevra per blogger?

  14. novembre 5, 2008 alle 10:35 pm

    Dai, un aiutino. Parola d’ordine: McGyver. Cosi’ plachi l’autarchico, il geek e lo sperimentatore che sono in te.

  15. novembre 5, 2008 alle 10:54 pm

    Com’è che si dice quando il gatto giochicchia con il topo?
    Dammi un’altro aiutino: di quanti elastici e tappi di pennarello ho bisogno?😀

  16. 17 Lorenzo
    novembre 18, 2008 alle 4:35 pm

    Ho fatto qualche ricerca sulla coltura acquaponica e ti segnalo questo:
    http://backyardaquaponics.com/
    Veramente incredibile.
    Ciao
    Lorenzo

  17. novembre 19, 2008 alle 8:31 pm

    Si, lo conoscevo già, il problema è sempre comunque quello di un grosso impiego di pompe… ma pare che un giapponese abbia studiato un sistema idroponico a “nutrienti fermi” ossia le piante pescano direttamente in una bacinella di nutrienti… unica accortezza l’esatta proporzione di radici “per l’ossigeno” e “per la soluzione dei nutrienti”
    puoi trovare le info qui http://www.echotech.org/mambo/images/DocMan/Abovegro.pdf


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

Prese al volo e rilanciate

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 714,550 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta

spina

gorgogliatore

fermentatore

Altre foto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: