24
Set
09

CRAB

(…fino a tre giorni fa…)

Freddo con sottile pioggerellina.
Fresco a brevi scrosci.
Sole caldo e bruciante.
Ombra da nuvolone accompagnata da refoli gelati (pare abbia nevicato a 2000m)
Sole.
Pioggia.
Sole.

E’ il giorno del mio 38°(*) compleanno e sto facendo le due cose che meglio mi riescono in questo periodo: parlare e sporcarmi di fango (spesso, azioni contemporanee).
Siamo con Enzo e G. a Torre Pellice. Stiamo realizzando un orto sinergico di un centinaio di mq.
Fango, paglia, semi ed un sacco di chiacchere.
Il tempo è assolutamente incostante. A turno qualcuno si trova a torso nudo per poi rivestirsi velocemente ma le lavorazioni procedono spedite ed in breve tempo il più del lavoro è fatto… un altri “semi” sono stati scambiati.

(…oggi, a casa…)

Sole.
Fresco e, immancabilmente, umido.

Le api stanno bene. Nonostante i grossi sbalzi di temperatura le sorelline vanno e vengono con scorte di vario tipo. Gli assalti delle vespe si sono fatti più serrati con l’avvicinarsi del freddo ma le piccole si difendono egregiamente.
L’orto va verso la definitiva “fukuokizzazione”. In vista dell’ipotetico trasferimento, molti dei nostri sforzi sono evidentemente diretti verso l’esterno del sistema che, pian pianino si contrae su un “fazzoletto” di sussistenza. Qualcuno, tra le altre cose, diceva che “piccolo è bello

Durante la creazione dell’orto a Torre, oltre ai nostri sproloqui, abbiamo avuto l’occasione di ospitare Massimo del CRAB, unico “ente” che, a mio sapere, abbia fatto una ricerca sull’agricoltura sinergica.
Purtroppo, per ammissione del CRAB stesso, la ricerca non è assolutamente esaustiva e non appaiono dati particolarmente rilevanti. Per questioni legate a fondi e tempi gli appezzamenti presi in esame ed il periodo di sperimentazione (3 anni) sono stati troppo limitati. Ma, come dire… almeno qualcosa di istituzionale si muove!
Dalla ricerca, che abbinava un appezzamento sinergico pacciamato a paglia, uno pacciamato a lana, uno pacciamato esclusivamente con gli scarti prodotti dall’orto stesso ed uno “tradizionale”-bio, sono risultati dei valori variabili (e quindi non determinanti) sulle produzioni, un notevole risparmio di tempo=energie del sistema sinergico in cui, però, si rileva un progressivo compattamento del suolo e una sensibile acidificazione del suolo…

Il lavoro fatto dal CRAB è interessante.
Quantomeno come primo tentativo da parte dell’agricoltura ufficiale di analizzare un sistema ritenuto “improprio” o “non convenzionale”.
Il limite maggiore è, a mio parere, il fatto che non ci sia stata la possibilità di un’analisi biochimica più approfondita. Per dire: nulla si sa di micorrize, batteri e cariche microbiche in grado di creare ricircoli gassosi anche in presenza di parziali compattamenti. Così come, non avendo un’analisi dei compound di nutrienti chimici non si hanno dati rilevanti sulla reale capacità di ricreare le proprie scorte da parte di un terreno “non perturbato” attraverso processi di autofertilità.

Qualcuno all’ascolto è interessato a portare avanti il lavoro del CRAB?
Noi siamo disponibili a prestare gli orti e le competenze!

(*)Mi associo a Ste nella non sopportazione di quelli che postano solo per sentirsi fare gli auguri 😀

(**)Altro incontro interessante: quelli della Banca del Tempo di San Salvario a Torino che m’hanno fatto venir voglia di sviluppare un’idea sul territorio della tentacolare metropoli che fu dei Savoia e degli Agnelli (che bel posto eh?!)

Annunci

17 Responses to “CRAB”


  1. 1 Gianluca Gianlupo
    settembre 24, 2009 alle 1:35 pm

    Auguri Nicolaaaaaaaaaaaaaaaaa ^ ^

  2. 3 Salvatore
    settembre 24, 2009 alle 4:07 pm

    38????? perchè cavolo pensavo fossi 40enne?? forse perchè sembri il saggio della montagna 😀
    Sul compattamento riscontrato dal CRAB, potrebbe essere che hanno sperimentato su terreno argilloso?
    il mio orto per ora non presenta il fenomeno. Però ha un terreno che a seguito dei precedenti rimaneggiamenti è (presumibilmente) di medio impasto, e poi è solo un anno che è coltivato in sinergico. inoltre la pacciamatura ha sempre lasciato a desiderare tanto che le infestanti si sono insediate e hanno creato un bel reticolo di radici che forse lo mantengono più sciolto.

    • settembre 24, 2009 alle 7:58 pm

      … no, è che li porto male 😀
      Sul compattamento: era dificile capire bene come avessero organizzato le semine quelli del CRAB. Per dire, avevano messo piante a radice profonda? (pastinaca & Co)
      In generale, comunque, credo che ci voglia un bel po’ pèrima di ottenere un suolo “naturale” ricco di materiale in decomposizione e pervaso da radici vive e morte… probabilmente aiuterebbe programmare alcune coltivazioni come pacciamatura verde ma valutandone sempre lo sviluppo radicale in modo da ottenere benefici a più profondità…

  3. settembre 24, 2009 alle 5:50 pm

    Auguri!! Sei dunque un oscuro figlio dell’equinozio? 😀

    Istituzioni-agricoltura: da queste parti ci sono esperimenti in corso da anni tra la Provincia di Milano e il Parco Sud (http://www.provincia.milano.it/parcosud/pubblicazioni/opuscoli.html).

  4. settembre 24, 2009 alle 10:36 pm

    Auguri e attento, perché dalle foglie sei passato ai pioppi, non vorrei…

  5. settembre 25, 2009 alle 6:49 am

    nicola, quando disboscheranno (probabilmente saranno terzisti che comprano il legname in piedi), ti fai dare un numero di telefono? che ho qualche pioppo pure io da tirare giu e qui sembrano tutti fermi. grazie.

  6. settembre 25, 2009 alle 10:48 am

    Auguri Nicola, pensa che io ne faccio 58 oggi 25 Settembre (ho spesso la fantasia di essere stato concepito la notte di natale!) Domani spero di essere a genova per ascoltare questo metodo di pacciamatura BRF fatto con ramaglia verde triturata(tipo composto templari)L’acidificazione la riscontravo nel vigneto triturando i tralci della potatura. Anche noi siamo in fase di trasferimento, questa è una sistemazione di emergenza ma il prossimo orto me lo vedo Fukokiano misto Cioè molto grande per fare esperimenti e un pezzo biologico tradizionale per non restare a bocca asciutta. Quando saò locato l’orto lo metto a disposizione.
    Saludos

  7. 11 elena2
    settembre 25, 2009 alle 5:31 pm

    Augurissimi!
    maledettamente giovane :-D!
    qui cadono castagne, domani sono al corso, poi le raccolgo, poi ci accordiamo.
    a proposito i libri di douglas Adams sono uno più bello dell’altro!!!
    ciao

  8. 12 marco
    settembre 25, 2009 alle 8:29 pm

    Tanti auguri………………………

    complimenti per il sito.

  9. settembre 26, 2009 alle 9:28 am

    Se non te li vuoi sentir fare gli auguri, io non te li faccio.
    De gustibus.

    Andrea scripsit.

  10. settembre 26, 2009 alle 10:58 pm

    penso che anche il nostro orto della Giudecca di Venezia possa partire con una sperimentazione un po’ più scientifica di quella che stiamo facendo (abbiamo prima pensato a soddisfare la pancia). Cosa ne dici di parlarne all’incontro di metà ottobre ai cantieri sociali est-nord? Ti aspetto, chiamami. O ti chiamo io?
    Oggi compio 41 e tre mesi, gli auguri te li faccio lo stesso.

  11. 17 sb
    settembre 27, 2009 alle 6:12 pm

    trentotto anni di genialità ortofruttifera. complimenti e grazie.
    ciau ne


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 741,719 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: