10
Nov
09

Cronaca “Vera”

CronacaVera

Il 15 ottobre il nostro eroe, il paladino del produzione e del consumo alimentare sano e sostenibile, Michael Pollan deve andare per una lezione al Cal Poly.
Immediatamente scatta la rappresaglia: uno dei maggiori sponsor dell’istituto minaccia di ritirare la prevista donazione di 500.000 $ se la lezione non verrà bloccata o trasformata in un faccia a faccia.
Il seguito è un casino, lettere, minacce, scuse, senatori inalberati, paventati licenziamenti, e collezioni di articoli vari.
Ora.
Il Problema non è Pollan che, per quanto ottimo giornalista, oratore e godibilissimo scrittore rimane pur sempre un po’ un “fighetto” da upper class americana (e poi, sia detto, “Il dilemma dell’onnivoro” letto dall’Italia lascia un po’ perplessi… e vagamente orgogliosi dell’essere la repubblica delle banane che siamo).
Tanto meno lo sono i magnati delle major alimentari americane o i “rudi” contadini della corn-belt, dallo sputazzo di tabacco pronto, il cui appezzamento più piccolo equivale circa alla superficie dell’area metropolitana di Milano.
Il problema non è la Cargill o Joel Salatin (oddio, no, il problema è anche quello…).
Il problema è… ve lo vedete un casino del genere per Carlo Petrini?

Ok. Mi si potrà dire che le situazioni non sono paragonabili (così come non lo è il sistema alimentare presentato ne “Il dilemma dell’onnivoro” con quello italiano, almeno non completamente).
Mi si potrà dire che qui abbiamo un’altra cultura dell’alimentazione ed un altro mercato agro-alimentare (qualcuno mi spiega perché alla Coop. Di Chivasso, oggi 9 novembre, le melanzane costavano meno dei broccoli?). Che da noi le nicchie di qualità sono preservate e mantenute, c’è un riconoscimento del prodotto di qualità e dell’eccellenza italiana e quindi Petrini non può essere visto come “antagonista” del sistema agrario-imprenditoriale ma come coadiutore, come “sponsor” del sistema naturale e sano.

Ok.
No, in definitiva il problema è… com’è che, in America, quelli sono argomenti di discussione, di scontro e di confronto a cielo aperto e da noi no?
Ok… da noi non c’è questo problema… noi, il carciofo rosso di S. Erasmo l’abbiamo messo sotto la tutela di Slow Food. Ora non corre più rischi, anzi probabilmente l’intera isola di S. Erasmo (e l’inquinamento di Margherera sedimentato nelle sue sabbie) verrà completamente colonizzato di carciofi rossi…
Quindi perché dovrebbero esserci movimenti di opinione con personaggi che promuovano un modo “diverso” di produrre alimenti, politiche agrarie più consapevoli? C’è già tutto e, sorpresa, è già anche un mercato consolidato!
Ma non solo, grazie al lavoro che stiamo facendo sulla qualità e l’eccellenza (ci piace un sacco questo termine… ormai, nelle langhe, quando Piero incontra Giulio sul trattore si inchinano esclamando “eccellenza!”) il sistema lo stiamo esportando in tutta Europa!
Sicuri?

Beh…
Per la prima volta i paesi membri della Comunità Europea hanno dovuto rendere pubblici i beneficiari delle sovvenzioni EU all’agricoltura. Un terzo non va neanche a finire ad aziende strettamente agricole.
Ci sono milioni che vengono spesi in ditte che hanno vagamente a che fare con l’agricoltura e che, soprattutto, supportano tutto tranne un sistema di produzione agro-alimentare sostenibile (in cui possiamo anche ascrivere il benedetto carciofo di S. Erasmo… ma non obbligatoriamente, per la teoria del “che crepi il panda!” e della migrazione delle specie vegetali).
Tra i più fortunati beneficiari dei fondi Europei per l’agricoltura possiamo annoverare alcuni simpatici conglomerati affaristici tra cui il colosso dei pollifici francese Groupe Doux e buona parte degli zuccherifici europei. Né i primi, tanto meno i secondi hanno nulla a che fare con l’agricoltura… semplicemente preparano dei semilavorati e li commercializzano grazie ad una fitta rete di sussudiarie e di appalti… ma tant’è che incassano i fondi per l’agricoltura. Per capire bene come funziona il meccanismo l’esempio degli orsetti di gomma e delle girelle di Liquirizia della Haribò è emblematico.
La Haribò ha preso 332.000 € di sussidi per coprire la differenza di costo dello zucchero europeo da quello del resto del mondo. Se la Haribò avesse comprato lo zucchero, chessò, del venezuela l’avrebbe pagato meno di quello Europeo quindi l’Europa deve rifondergli i “danni” (che, io, sciocco, pensavo avessero già caricato sul prezzo dei loro pezzetti di gomma colorati… che sciocco…). Ha un senso!
Così come hanno un senso i 148.000€ dati alla ditta di catering Ligabue di Venezia nel 2008 (Michele sei avvertito!) come sussidi all’esportazione di zuccheri e prodotti caseari a bordo di lussuose navi da crociera, l’unico caso in cui invece dei container sono state usate comode confezioni monodose.

Che bisogno abbiamo in Europa di qualcuno che dica che le sovvenzioni all’agricoltura fanno più danni che altro al sistema di produzione agro-alimentare? Che bisogno abbiamo di riconoscere l’agricoltura come produzione di puro e semplice cibo quando tanto abbiamo un “Mercato” per il lumpenproletariat ed il carciofo rosso di S. Erasmo per i fini conoscitori del “terroir”?
Che bisogno c’è di fare delle discussioni serie sul sistema alimentare europeo quando sono ormai anni che non si produce più cibo ma utility finanziarie?

DISCLAIMER . Non ho assolutamente nulla contro il carciofo rosso di S. Erasmo ma è il primo presidio slow food che mi viene in mente per colpa di Michele… prendetevela con lui 😀

In ogni caso… io faccio il tifo per loro:
genuino

Annunci

10 Responses to “Cronaca “Vera””


  1. 1 medo
    novembre 12, 2009 alle 9:09 am

    Mi vien da dire che l’importante è stare in compagnia, guarda…

  2. 3 alem
    novembre 12, 2009 alle 9:16 pm

    bello l’articolo sui “rudi contadini”, non mi era capitato ancora di leggere una aperta difesa delle “buone pratiche” convenzionali. Il tipo si è pure preso la briga di citare i testi agro-intellettuali, ovviamente distorcendo a piacere…
    certo su alcune snobberie di Pollan & c non si puo’ dire abbia torto, due facce della stessa medaglia?

  3. novembre 12, 2009 alle 10:30 pm

    Non saprei se sono due facce della stessa medaglia… sicuramente sono facce di un contesto molto particolare. M’è già capitato di sottolinearlo, ma anche “icone” dell’agricoltura alternativa italiana come Wendell Berry (il manifesto del contadino impazzito) o il citato Joel Salatin spesso è volentieri, se portati su altri argomenti (religione, politica, razza ecc… ecc…) risultano dei bei fanatici.
    No… la cosa triste e che pur essendo un contesto molto diverso (in italia l’azienda più grande è una caccola se messa a confronto con le realtà USA) non c’è il minimo dibatto sulle tecniche di produzione alimentare… siamo fermi, ancora, a discutere di “mercato” e non di pratiche. Da qui la deformazione commerciale del BIO, le nicchie di mercato elitario da “formaggio di fossa della val cistempurla d.o.p. d.o.c.g. i.g.p. g.p.r.s d.c. p.s.i. c.c.c.p.”.
    Zero su come il cibo viene prodotto e distribuito e su come il consumatore finale possa essere liberato dall’essere consumatore (sempre che lo voglia…)
    …sta arrivando l’inverno e l’oppressione da freddo sale… magari è meglio se vado in letargo così la smetto di brontolare 🙂

    • 5 medo
      novembre 13, 2009 alle 10:06 am

      Eh com’è che sei sempre più brontolone infatti? E’ la fine dei raccolti? Il desiderio di fare il bozzolo invernale che combatte il desiderio di continuare ad “occuparsi” dei problemi che ti stanno più a cuore?
      Chi lo sa.
      Intanto le temperature stanno risalendo e mi pare d’essere ai primi di settembre in terra francese…

  4. 6 alem
    novembre 13, 2009 alle 12:18 am

    ah non mi toccare il cistempurla dop che è il mio preferito 😉

  5. novembre 13, 2009 alle 4:08 am

    grazie mille nicola! 😦
    adesso tutti i miei pomodori vorranno la certificazione cccp!!
    😉

  6. novembre 19, 2009 alle 5:49 pm

    Sul triangolo delle Bermude dello zucchero (francia/belgio–>san pietroburgo—>slovenia e ritorno e sui relativi maneggi in tema di sussidi, c’era un bell’articolo su Internazionale della settimana scorsa (o forse della precedente).


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

Prese al volo e rilanciate

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 746,708 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: