03
Dic
09

Permablitz n°1

Ok, ci siamo…

PERMABLITZ n°1

questo week-end (12 e 13 dicembre) ed il prossimo (19 e 20 dicembre) l’appuntamento per il 1° Permablitz è a casa di Luca (da qualche parte sulla collina di Torino).
Il programma prevede:
– realizzazione di un’impianto completo di vasi autoirriganti (cisterna e meccanismo di gestione dell’approvvigionamento dell’acqua compresi)
– realizzazione di un’orto verticale (windowfarm)
– escursus sui sistemi di compostaggio domestico
Come al solito (?) la partecipazione è aperta, i permablitz non sono “corsi” nel senso stretto del termine.
Nessun docente che racconta e nessuno studente che registra… si passa, si fanno delle cose insieme, si spiegano e discutono delle tecniche… probabilmente sono molto di più di un “corso”🙂
Per maggiori info ed adesioni:
Potete contattare direttamente me

ps.- Se qualcuno avesse un vecchio sciacquone da gabinetto con valvola e galleggiante funzionanti di cui si deve disfare ve ne saremmo veramente grati! (No, non ci serve per i germogli ma per altro… venite a scoprirlo!!)


6 Responses to “Permablitz n°1”


  1. 1 medo
    dicembre 4, 2009 alle 10:22 am

    Pierre Rabhi, John Seymour, Masanobu Fukuoka, Bill Mollison, Steve Read, Emilia Hazelip vi ringraziano e vi seguono e vi incoraggiano.
    Soluzioni semplici, pensieri leggeri, sguardi possenti e mani veloci.

  2. 3 mafalda
    dicembre 4, 2009 alle 11:28 am

    @ Medo
    puoi darmi qualche altra indicazione su Steve Read (su google viene fuori una marea di gente che sembra non c’entrare niente).

  3. 4 medo
    dicembre 4, 2009 alle 3:15 pm

    E’ un “progettista” in Permacultura che abita in Bretagna (Fr) ed è tra i promotori della (sgangherata) Université Populaire de Permaculture, che dovrebbe funzionare come snodo ufficiale delle varie iniziative che mirano a diffondere tali saperi. Ma boh, diciamo che tra Italia e Francia per quel che riguarda l’associazionismo permaculturale siam messi malissimerrimamente. Sono stato questa estate, per poche ore perchè poi non sopportavo piu tanto, al Festival della Permacultura e boh. La vera cosa che mi ha shockato è che tra gli organizzatori c’era il proprietario dei terreni, un giovinotto mezzo scemo che ha ereditato 135 ettari a cereali e che si è messo in testa di cambiar tutto e permeculturizzarsi (miracolo!); solo problema che a parte le “truffières” con querce e simili tra un campo e l’altro e che non vanno toccate perchè sono vere miniere d’oro, la terra è ormai schiacciata a morte, nessun insetto, nessun uccello vola più su questi 135 ettari di morte post-cereali; pare che paghino carissime le api per impollinare attorno al villaggio visto che l’ultimo apicoltore della zona se le vide morire tutte e si trasferi (cosi che ora in un territorio grande come la città di Torino non c’è UNA sola ape). Va beh. Viva il RoundUp, viva la Morte, viva i semi con l’insetticida incorporato! Bei risultati.

    Va beh torniamo alle cose fatte per bene, qui articolo e foto di una passeggiata permaculturale di Steve Read con alcuni “allievi” a Istanbul, dove dopo il loro passaggio è apparso un orto fatto coi cartoni :
    http://www.treehugger.com/files/2009/04/exploring-permaculture-in-big-city.php

    Quanto a lui, ha un sito che potrebbe vincere il premio della peggior grafica europea:
    http://steveread.free.fr/accueil.htm

  4. 5 mafalda
    dicembre 12, 2009 alle 12:05 pm

    grazie medo, scusa il ritardo🙂


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

Prese al volo e rilanciate

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 714,550 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta

spina

gorgogliatore

fermentatore

Altre foto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: