12
Feb
10

Calendario

QUESTO è UN POST AD AGGIORNAMENTO CONTINUO: quando scomparirà sarà sufficiente cliccare sul tappo a destra per essere riportati qui…

Ci sono alcuni buoni motivi per cui, se vi siete aspettati in tutto questo tempo articoli, risposte puntuali a mail o post di approfondimento su tecniche assurde come la cristallizzazione dei processi molecolari dell’azoto, non avete potuto godere nulla di tutto ciò…
Il primo motivo (tanto per ripetersi) è che stiamo girovagando per dare un limite alla ricerca di una casa “stabile”.
Il secondo, collegato comunque al primo, è che, non aspettandoci di poter proseguire con il nostro orto, ci stiamo attrezzando per disperderci nel mondo a supportare chiunque voglia farne uno.
Realizzare il calendario non è cosa semplice…
Allo stato attuale il programma costruito dai tre dell’ave sinergia (me stesso, l’amico G ed il biochimico Enzo) prevede:

25-30 marzo
corso di primo livello di Agricoltura Sinergica

presso la comunità ACF di Burolo (Ivrea, To)
info e adesioni – Anna – 3482757250
burolomcf@gmail.com

 
2-6 aprile
corso di primo livello di Agricoltura Sinergica

presso Villaggio Verde – Cavallirio (Novara)
info e adesioni – Mirai – 3337639262 – 0163.80447
info@villaggioverde.org
 
8 aprile
Stage di Agricoltura Sinergica
nell’ambito del corso di Progettazione in Permacultura di 72h tenuto da Saviana Parodi, Stefano Soldati e Luca Denti
presso Casa del Bosco in Collina – Rocca De Giorgi (Pv)
info e adesioni – Albert – 3337027486
casadelbosco@gmail.com

14-18 aprile
corso di primo livello di Agricoltura Sinergica

presso casa di Laura e Claudio – Cumiana (Torino)
info e adesioni – Margherita – 347.1962236
ziamarga@gmail.com
 
23-24 aprile
convegno-dibattito orti condivisi e laboratorio di agricoltura urbana

presso SpiazziVerdi – Venezia
info e adesioni – 348.9312475 – 041.5239711 – 041.5232309
www.spiazzi.info spiazziverdi@gmail.com
 
29 aprile – 3 maggio
corso di primo livello di Agricoltura Sinergica

presso casa di Roberta – Pieve di Teco (Albenga – Im)
info e adesioni – Roberta – 349.6111169
lija@libero.it
 
sabato 15 maggio pomeriggio
convegno-dibattito su Agricoltura Sinergica

presso Centro Studi Sereno Regis – Torino
per info – ass. Kanbio
kanbio@libero.it
 
22 maggio – 23 maggio
l’Orto in Transizione

Monteveglio (Bologna)
info e adesioni – Monteveglio Città di Transizione

 
28 maggio – 30 maggio
l’Orto in Transizione

Carimate (Milano)
info e adesioni
carimateintransizione@gmail.com Carimate Città di Transizione
 
12 maggio
Rizomi – Laboratorio di orticoltura urbana

Laboratorio gratuito a numero chiuso – Grugliasco (Torino)
info e adesioni – 011.4015303
elena.casassa@comune.collegno.to.it
   

…molte delle date sono ancora in via di definizione ed altre potranno aggiungersi (forze fisiche ed intellettuali permettendo).
Per tutte le possibili info: iosononicola@gmail.com – 339.7123111

Annunci

18 Responses to “Calendario”


  1. 1 Gianluca Gianlupo
    febbraio 12, 2010 alle 12:04 pm

    Alla faccia del cialtrone poltrone ^ ^, forse ti conveniva darti ad un riposante lavoro di miniera ;o)
    Comunque, dato che la latitanza in questo posto non pare che sia considerata una condizione particolarmente grave ……. ciao a tuttiiiiiiii.
    Esauriti i necessari saluti (aggiungo un saluto speciale al mio agreste fratello) mi butto a bomba su un (fuori)tema che mi sta logorando il neurone:
    Ma se i germogli (almeno mi pare di capire) contengono più vitamine e sali minerali delle sementi, come mai continuiamo a nutrire i nostri animali da cortile con le granaglie invece che con le granaglie germogliate?????
    Se questo ragionamento non è del tutto sbagliato, qualcuno ha idea di quanti germogli / giorno necessita una gallina????
    Confido sul potere delle menti connesse ^ ^
    Ciao a tutti

    • 2 sb
      febbraio 15, 2010 alle 9:20 am

      ciao fratel gianlupo; deh, ma hai poi distillato? invece di far germogliare i semi usali per fare la vodka che è meglio.
      io alle galline gli sbatto lì delle secchiate di granaglie che secondo me poi qualche seme germoglia da sè e se non succede cazzi loro.
      ciauuuu ne

  2. febbraio 12, 2010 alle 1:56 pm

    In realtà una volta si usava dare germogli al bestiame ma poi è arrivato il flocculato…
    Io in generale faccio un mix 70%secco 30%germogli (che poi basta lasciare i semi a mollo per un 12-24 ore…)
    Baci!

    • 4 Gianluca Gianlupo
      febbraio 12, 2010 alle 2:02 pm

      le sai tutte !!!! ^ ^
      Grazie Nicola, ci proverò

      • 5 medo
        febbraio 12, 2010 alle 4:22 pm

        No ma lo sbattimento di nutrire il pollame a seme germogliato?! Cioè. In una fattoriucola dove ho passato qualche settimana ho visto parte del pollame nutrito solo a resti della cucina umana e un secchiello di crusca ogni tanto (dopo macinazione e setaccio di granaglie con mulinino a pietra naturale, farine per uso alimentare umano), beh le galline stanno da dio.
        Solo pensare di dare al pollastro cose più nutrienti, li farebbe rabbrividire! E sono iper-animalisti e coccoloni degli animali. Ma finchè l’Uomo sarà sulla Terra, pappa buona per noi, i polli (i pochi che resteranno, almeno all’inizio) avranno millenni per razzolare sopra le rovine della Mole, del Pirellone, attorno agli hangar degli aeroporti…

  3. 6 Pier
    febbraio 12, 2010 alle 10:24 pm

    Si si io voglio essere spugna..ne sai troppe!!! Burolo-Ivrea una fazza una razza, a presto!

  4. 7 mafalda
    febbraio 13, 2010 alle 7:49 am

    vediamo come me la cavo con il corso che si sovrappone alle date di carimate, in realtà avrei la possibilità di venire almeno due giorni. non ho capito bene il tema, nel senso, è molto generico
    cosa tratterai?
    ciao

  5. febbraio 13, 2010 alle 1:41 pm

    @Medo Bèh… in realtà il tutto si traduce nel buttare una manciata di semi in un secchio ed andare a dormire… non è che devi fare i germogli per i sandwich 🙂 i nutrienti chelati nel seme si liberano già dopo 8 ore di ammollo.

    @Pier ci vieni anche se ti confesso di aver sempre partecipato al carnevale nelle schiere dei Tuchini? 🙂

    @Elena quella di Carimate (come a Monteveglio) è un’incursione il programma sarà vario e veloce (una full immersion) con una panoramica tra tecniche e elementi di progettazione.
    Lo scopo è quello di “iniziare” all’autoproduzione alimentare sostenibile… o qualcosa del genere 😉 (stiamo definendo il programma!)

  6. 9 Fabrizio
    febbraio 15, 2010 alle 1:28 pm

    Ciao, Nicola.
    Non siete anche alla Casa del Bosco in collina, Oltrepo pavese, a marzo, tu e Guido? O vi confondo? Nel qual caso magari ci si rivede proprio lì dove ci siamo conosciuti… Quanto alla ricerca di un nuovo posto dove stare, dalle mie parti qualcosa in vendita ci sarebbe. Se ti interessa ci si aggiorna. Fammi sapere.
    Fabrizio.

    • febbraio 15, 2010 alle 2:01 pm

      Ciao Fabrizio! Hai ragione… durante il “copia-incolla” evidentemente ho fatto un po’ di casino… adesso ho aggiornato le date.
      GRAZIE MILLE!!
      Sarà un piacere rivederci tutti (orto che tante fatiche ci costò compreso 😉 )
      Per la casa può essere interessante… terreno?
      Vabbè, ci sentiamo in separata sede 🙂

      • 11 Fabrizio
        febbraio 15, 2010 alle 7:50 pm

        Con terreno, certo. E una casa in un piccolo borgo disabitato, con poche case in mezzo al bosco. Altre case potrebbero, in futuro, essere mese in vendita in quanto, più o meno, i proprietari sono gli stessi o comunque tuttti imparentati tra loro. Non da me ma a pochi chilometri di distanza. Facciamo così: io mi informo così la prossima volta che ci si sente ti posso dare qualche informazione in più.
        A presto.

  7. 12 Pier
    febbraio 15, 2010 alle 7:24 pm

    Bè grande Nicola! torno adesso da una giornata in borghetto… dissidente da anni ma il carnevale nel cuore me gusta la mugnaia me gustas tu!!! buttiamo semi di anarchia che di invasati ce ne sono troppi!(straparlo ma sono ubriaco) sicuro che a burolo ci sono W LA TIERRA!!!

  8. 16 francesca
    febbraio 16, 2010 alle 11:30 am

    è da tempo che leggo senza proferir parola.. ma ora devo proprio dirlo.. grande nicola…e tutti i collaboratori e amici che scrivono e partecipano.
    c’è un sacco di energia in queste pagine..
    spero di riuscire a venire a qualche incontro sinergico.. in attesa che qualcuno arrivi nel comasco dove vivo io.. ma qui nella mia zona.. non si puo’ organizzare nulla??
    saluti a tutti
    francesca

    • febbraio 21, 2010 alle 11:17 pm

      Rispondo solo ora, scusami.
      Grazie per i complimenti che ci spartiremo tra tutti quanti allegramente 🙂
      Como… Como… Carimate non è in quella direzione?

      • 18 francesca
        febbraio 22, 2010 alle 10:09 am

        si..dopo aver scritto ho scoperto che carimate è in zona e subito ho preso contatti con gli amici di “carimate in transizione” per partecipare agli incontri di maggio!!!
        io ed il mio compagno ci stiamo muovendo verso…”vita in baita un po’ isolata (con terreno!!!!!)”… qui sul lago..chissà..magari si potrà organizzare qualche cosa da noi!!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 741,719 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: