19
Giu
10

La proprietà è un furbo

…e zero…


63 Responses to “La proprietà è un furbo”


  1. giugno 19, 2010 alle 1:42 am

    Questa e` la tua nuova casa? Anche se e` un furbo, prendila. Non importa come ma prendila. ;^)

    • giugno 19, 2010 alle 2:24 am

      Fatto… ieri alle 15.30.
      Ora si tratta di costruire tutto.
      Letteralmente.
      Se ti appoggi all’edificio la in fondo… quello casca per terra.
      Uno inizia a fare l’orto e si trova a costruirsi casa…🙂

  2. 3 mafalda
    giugno 19, 2010 alle 8:23 am

    non so come stappare una bottiglia di “spumante” (siamo modesti noi :D) via blog.
    è bellissimo! finalmente lo sguardo di Noemi potrà spaziare.

  3. 5 sb
    giugno 19, 2010 alle 8:40 am

    complimenti, ci va coraggio. ma è vicino a baio dora?

  4. 7 medo
    giugno 19, 2010 alle 10:45 am

    Sono ufficialmente a disposizione per i lavori come volontario.
    E potrei venire non solo, da poco ho un nuovo amico, un bretone di 190 cm per tipo 90 kg specializzato in eco-costruzione: ex-muratore convertito alla paglia, all’argilla, alle case che respirano. Il suo nome è impronunciabile – e/o incomprensibile a chiunque sia nato sotto al 47° parallelo Nord – ma da solo sviluppa una potenza di almeno 300 W (ma non bisogna lasciarlo troppo senza birra e salsicce).

    Nicola tienici aggiornati, costruire insieme qualcosa vuole dire costruire insieme il tutto di qualcuno.

    • giugno 19, 2010 alle 12:09 pm

      MO dobbiamo svolgere un tot di burocrazia prima di riuscire a capire cosa e come lo possiamo fare… poi parte il “camping cantiere” a porte aperte🙂
      Nella lista “To Do”:
      Casa
      Fitodep
      Strutture igenico-sanitarie
      orto
      1 bacino (smack) raccolta H2o




      la lista cresce di giorno in giorno… ma, come sempre, si contrarrà nel momento in cui si confronterà con dati reali certi.🙂
      Ho ancora qualche problema sulle salsiccie… ma sulla birra possiamo produrne ad ettolitri!!

  5. giugno 19, 2010 alle 12:31 pm

    Complimenti ed auguri!
    Guarda i tanti lati positivi della tua scelta: per i prossimi vent’anni, non avrai mai un’occasione (neppure piccolina) di annoiarti…😀
    (Comunque, la mia è tutta sincera e chietta invidia…)

  6. giugno 19, 2010 alle 2:41 pm

    COMPLIMENTISSIMI!!!
    Posto magnifico, bellissima casetta, prato e boschi meravigliosi. l’edificio è dei primi del ‘900?

    • giugno 21, 2010 alle 12:05 pm

      Non esageriamo sul magnifico… ho tagliato bene la foto eliminando le schifezze🙂
      Non so… credo anche un po’ prima almeno la parte delle fondamenta… ma sta crollando a pezzi e restaurare è improponibile (economicamente… emotivamente sarebbe tutt’altra cosa…)

  7. giugno 19, 2010 alle 5:16 pm

    Non ci conosciamo ma seguo da tempo e con simpatia questo blog. Un augurio e spero di incontrarti in qualcuno dei tuoi giri divulgativi, prima o poi, dato che mi sono appena perso l’incontro di milano e immagino passerà un po’ prima che ricapiti nei dintorni.
    Gaetano

  8. 15 nicoletta
    giugno 19, 2010 alle 5:22 pm

    Invidia pure la mia! Sembra un posto bellissimo. E tutto il lavoro che avete davanti è il più bello che ci sia. Auguri!
    Nicoletta

  9. giugno 19, 2010 alle 7:02 pm

    Buon lavoro Nicola (sarà molto) Tanti tanti auguri per la nova grande impresa

  10. giugno 19, 2010 alle 10:16 pm

    mammamia che pratone, è tutto tuo?
    mi prenoto per il camping-cantiere, sono un ottimo apprendista tutto fare, con specializzazione in osservazione nuoveideedacopiare.

    se ti occorre un mezzo in agosto per portare galline, api, ecc., fammi un fischio😉

  11. 21 Giacomo
    giugno 19, 2010 alle 10:40 pm

    Complimentoni!! Sembra davvero bello!!!
    Posso proporti un bel baratto: mi dai assistenza per prendere le api dalla finestra e in cambio posso aiutarti a fare il progetto degli impianti, tipo legge 10, rinnovabili, posso metterti in contatto con un collega che fa fitodepurazione. mi immagino che tanto ti costruirai da solo ma per il comune ti serviranno un bel po’ di tecnici..

    • giugno 21, 2010 alle 12:12 pm

      Vista l’ultima impresa di Harlock http://isognidiharlock.blogspot.com/2010/06/preso.html direi che ti conviene contattare lui!!😀 (sta anche più vicino a te, credo…)
      Sui tecnici dovrei essere a posto… ma non si sa mai.

      • giugno 21, 2010 alle 9:09 pm

        proprio vicino di casa non è… ma le sorelline chi le piglia?

      • 24 Giacomo
        giugno 21, 2010 alle 11:57 pm

        Beh! se le sorelline sono le api le prendo io, non ti preoccupare, devo solo trovare l’arnia (warre’ possibilmente… al limite la compro in austria). Tanto le medicine non gliene do’! Mi serve solo un aiuto a far fare loro il trasloco!!!
        Ovviamente sarai lautamente ricompensato… con Nicola avevo pensato al baratto: prestazione professionale in cambio di apicoltura. Con te non so, di cosa hai bisogno? Baby sitting? Roba da bere? Un passaggio?

        Fammi sapere!

      • giugno 22, 2010 alle 1:03 pm

        a me avrebbe fatto piacere tenermi le api. Mi piacerebbe farlo anche come esperienza “professionale”, ma non sei proprio dietro l’angolo, quindi ci rimetterei una domenica e visto che ultimamente le domeniche sane per i lavori all’uliveto sono una rarità, ti devo dire la verità, mi pesa un po’.

      • 26 Giacomo
        giugno 23, 2010 alle 1:18 am

        Ma e dove abiti? E comunque se l’esperienza e’ “professionale” e’ previsto un rimborso spese… Pero’ la domenica persa non te la posso rimborsare quindi… vedi te!!
        Grazie lo stesso.
        Ciao!

      • giugno 24, 2010 alle 11:40 pm

        grazie a te per l’opportunità che mi hai dato, ma davvero, sono molto indietro con i lavori all’uliveto, che adesso posso fare solo il fine settimana.

        P.S. abito ad Agliana (PT)

  12. 28 isabella
    giugno 19, 2010 alle 11:55 pm

    che tenerezza…
    mi piace

    tanta gioia, tranquillità e armonia🙂

  13. giugno 20, 2010 alle 9:16 am

    Grandi spazi aperti, mi ricorda molto l’inizio dei grandi cantieri e delle grandi opere, ma dov’è finito il non fare, e poi non vedo una siepe per nascondersi alla vista degli altri e andare a bersi una birra facendo finta di lavorare. Ma tanto so che poi un’indolente come te troverà una soluzione a tutto, dicevano che non c’è lavoro, ecco tu hai creato dal nulla una montagna di lavoro, veramente geniale. Spero solo che non ti passi per la testa di piantare qualche pioppo vicino a casa magari colpito da nostalgia improvvisa🙂🙂🙂
    Bel posto, che dire a questo punto? buon lavoro

    • giugno 21, 2010 alle 12:17 pm

      E’ tutto da costruire… siepi per nascondersi, spazio per fermentare la birra… lavoraccio ma conto di impostare le cose al meglio per farmi “”il fondo pensione”🙂
      …Il pioppo c’è già… L’albero enorme subito dietro la casa è un pioppo con un tronco da abbracciare in tre persone… credo che dovremo toglierlo di lì… si sta pericolosamente inclinando con le piogge degli ultimi tempi…

  14. 32 gabriella
    giugno 20, 2010 alle 11:14 am

    Sa di buono! Un grosso grasso in bocca al lupo!

  15. 34 Stefano e Daniela
    giugno 20, 2010 alle 7:56 pm

    evviva! ora siamo diventati vicini per davvero! finalmente potremo venirvi a trovare spesso e facendo pedalate più brevi, molto più brevi, di quelle che facevamo per raggiungervi al mulino!
    a presto dunque, e congratulazioni!
    Stefano e Daniela.

  16. 36 diana
    giugno 21, 2010 alle 9:52 am

    e io invece dovro’ fare piu’ strada per venirvi a trovare😦

    per quanto riguarda le piante potremo magari organizzare una raccolta/donazione di esemplari i piu’ disparati oppure cercare di impietosire qualche vivaio regionale
    puoi anche informarti subito sulle piantine gratuite della regione in consegna in autunno, alcune sono veramente piccolissime, ma eventualmente le parcheggi in vaso per un annetto

    e mentre il cantiere sara’ in pieno fermento, dove vivrete?

    mi auguro solo che la burocrazia non sia delirante come qui; occhio anche alle normative energetiche, che sembrano un bersaglio mobile e cambiano ogni 6 mesi e ti obbligano a modificare le specifiche dei vetri, delle pareti, dei solai

    a presto, futuro ex-vicino
    diana

    • giugno 21, 2010 alle 12:20 pm

      Magari si scende noi di tanto in tanto😉
      La “lista della spesa” alla forestale la sto preparando in questi giorni aumentando tutte le richieste di un buon 10% (ottimistico) in modo da contare anche “le morti accidentali”…

  17. 38 Salvatore
    giugno 21, 2010 alle 10:58 am

    Sembra un bel posto.
    Vi faccio tanti auguri!!
    Credo che a breve diventerà un isola di moderna civiltà🙂
    Ciao.

  18. 40 Amalia
    giugno 21, 2010 alle 11:28 am

    🙂 wow mi sembra tutto bellissimo…non invidia ma stima, un giorno ce la farò anch’io a d avere la mia casetta hihi… s e ad agosto ti servono braccia la tenda ce l’ho!!!!ciao a tutti

  19. 43 Mascia
    giugno 21, 2010 alle 12:28 pm

    ottima scelta di vita, complimenti anche da qui…..e buon divertimentoooo!!

  20. 44 Pier
    giugno 21, 2010 alle 9:03 pm

    Alla fine sei venuto tu a Ivrea😉
    Bene, ti scoverò in uno dei miei giri in bici..non prenderla come una minaccia..
    Io faccio il geometra, oltre al mini ortolano supercialtrone nato soprattutto dalla frequentazione di questo sito, se hai bisogno di supporto tecnico ..no problema!!!

  21. 45 medo
    giugno 22, 2010 alle 10:43 am

    Scusate ma vedo sempre citata la vicinanza dell’autostrada come una noia. Certo, ancora oggi essa è fonte di inquinamento, causa di accelerazione del capitale e simili, ma se qualcuno (dopo tutti gli studi, saggi e articoli usciti in tutte le lingue sul picco del petrolio) pensa ancora che tra diec’anni ci sarà il traffico di oggi, diciamo che è meglio che si armi di pazienza e coraggio e riesumi la questione.

    Il consumo di carburante per abitante, anche se non sembra, è in calo costante da circa trent’anni con un collasso da fine 2007 circa. Il traffico diminuisce costantemente di anno in anno, in ragione di un 7% medio. La produzione petrolifera mondiale è rimasta in sostanziale stallo dal 2003 ed ha iniziato un calo del 9% medio annuo nel 2009.

    Quindi, caro Nicola, quando la tua casa sarà finita, l’autostrada avrà già cominciato ad essere un monumento.

    Respirare, espirare: cogliere la pienezza dell’istante presente e gioire del tracollo della capitalizzazione del reale.

  22. 49 Tobia
    giugno 22, 2010 alle 11:41 am

    Grande Nicola,
    Un posto meraviglioso…tagliare la foto non conta…il posto è stupendo perchè lo hai scelto tu…ed è questo ciò che conta!
    Ricorda sempre che se quella casa è stata costruita li tanti anni fà ci sarà un motivo, prima non si costruiva solo basandosi sugli spazi edificabili ma si teneva conto di tantissimi altri fattori, quindi vedi un pò se riesci a tenere quel posto come ubicazione della futura casa.
    In bocca al lupo per tutto e speriamo un giorno di incontrarci.
    Per me non è cosi facile venire a trovarti e ad aiutarti!

    • 50 medo
      giugno 22, 2010 alle 2:52 pm

      A proposito, ma quella che si vede nella foto è una casa o una sorta di grande capanno, tipo per attrezzi della vigna e simili. A me non pare una casa o forse è solo un pezzo… Consiglio di tirar giù tutto pezzetto per pezzetto per recuperare il salvabile ma rifare tutto da zero. Con garbo, magari non proprio nello stesso posto, ma da zero!

    • 53 medo
      giugno 22, 2010 alle 2:54 pm

      A proposito, ma quella che si vede nella foto è una casa o una sorta di grande capanno, tipo per attrezzi della vigna e simili? A me non pare una casa o forse è solo un pezzo… Consiglio di tirar giù tutto pezzetto per pezzetto per recuperare il salvabile ma rifare tutto da zero. Con garbo, magari non proprio nello stesso posto, ma da zero!

      • giugno 23, 2010 alle 11:36 am

        Era una stalla-fienile-casa (2 piani da 70mq) ma di lei rimane veramente poco (e quel poco pericolante). Si sta prevedendo lo smontaggio pezzo per pezzo ed il riuso in toto del materiale… fortunatamente, essendo molto vecchia, non c’è nulla di non riciclabile. Sul garbo… quello è compito di Noemi… io mi occupo del campo😉

  23. giugno 22, 2010 alle 1:52 pm

    Buon lavoro e buona vita!!

  24. 56 diana
    giugno 23, 2010 alle 11:48 am

    dato che dalla foto si intravedono due montagne incombenti, se vuoi giocare un po’, posso fare un sopralluogo e darvi qualche dritta sciamanica feng shui sul migliore orientamento della casa.

    non ridete (troppo) ma tolti tutti gli orpelli e coglionate da americani boccaloni e cinesi gran furboni, alcune regole base di edilizia e geomanzia cinesi sono piene di buon senso e non hai nessun bisogno di appendere campanelle, flautini di bambu, specchietti, stupide statuette o posizionare orrende fontanelle gorgoglianti in ogni posto improbabile

    (e pensare che ho studiato matematica, ma evidentemente invecchiando i neuroni decadono molto rapidamente)

  25. 57 barbara m.
    giugno 23, 2010 alle 10:28 pm

    gran bel posto, complimenti vivissimi e auguri per tutto quel che verrà.
    se il pioppo in questione è quello lì imponente che si vede a incombere dietro la futura casa, mi raccomando, taglialo SUBITO!🙂

  26. 58 Davide
    giugno 24, 2010 alle 11:00 pm

    Mi unisco al coro, spero che il grande passo porti a grandi risultati e date le mille idee e lo spirito che le accompagna penso che ce la farete e sarete felici!
    Sarete padroni delle vostre opere, niente ruspe o trattori spargi veleni sotto casa a minacciare la vostra laboriosa quiete… ci incontreremo un giorno.. ma dati i tuoi attuali impegni penso passerà qualche anno.. in ogni caso a presto!

  27. giugno 25, 2010 alle 11:43 am

    wow finalmente! appena posso, dopo l’estate, passo a dare una mano e con grande piacere. salumi a tutt.

  28. luglio 3, 2010 alle 8:02 pm

    In grandioso ma giustificato ritardo, decisamente ultimi ma non per questo meno importanti, etc. etc. ecco anche i complimenti e le benedizioni di Madame! Bisous!😉

    (ma ha ragione mauri ha: dove finiremo, con tutto questo non fare?)

    • luglio 3, 2010 alle 11:05 pm

      Assolutamente non meno importanti e felice di sapere che sei in “giro”😉
      In ogni caso… conti alla mano lavoreremo ancora meno.
      Sembra strano vero? Ma in effetti alla fine della partita ci saremo tolti tutta una serie di “balzelli” che attualmente dobbiamo pagare con moneta reale (vedi affitto, bollette ecc…) e quindi con il “Lavoro”.🙂


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

Prese al volo e rilanciate

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 714,550 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta

spina

gorgogliatore

fermentatore

Altre foto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: