By Nicola

Un sistema semplice per auto prodursi un inoculo di micorrize.

Obbiettivo di questo tutorial è presentare un semplice sistema per inoculare le proprie piante con funghi benefici. Il terreno ottenuto con questo metodo sarà il vostro “inoculo” ricco di micorrize. Ci vorrà circa un’ora per organizzare il tutto e sarà molto semplice da mantenere nel tempo.

Micorrize?
Le micorrize sono, basilarmente, funghi. Funghi che si sviluppano sull’apparato radicale (rizosfera) della maggior parte delle piante. Non sono parassiti e nemmeno un’infezione, anzi svolgono funzioni fondamentali nel trasporto di nutrienti quali il fosforo, il rame e lo zinco ed accrescono la disponibilità di acqua per le piante. Completando la simbiosi, le piante ospiti forniscono ai funghi carbonio sotto forma di zuccheri. Questa simbiosi non intacca minimamente le piante ospiti, problemi dovuti alla crescita ed allo sviluppo, sono più spesso legati a una mancanza di nutrienti o di acqua.
La presenza di micorrize è riscontrabile in quasi tutti i tipi di suolo ma sono di fondamentale importanza in situazioni estreme, dove acqua e nutrienti scarseggiano. Sono molto poche le piante che non accettano un rapporto simbiotico con le micorrize, sebbene la maggior parte possa vivere senza di esse. Nelle piante occupate dai funghi, sono quest’ultimi a garantire l’assorbimento dei nutrienti e non le radici.

Esistono diversi tipo di micorriza ma quello di maggior interesse nel processo seguito dai ricercatori di Seedsun è l’arbuscular mycorrhiza (AM). Un micorriza invisibile ad occhio nudo in grado di creare un’estesa rete di ife nel terreno, quest’ultime penetrano nelle cellule radicali delle piante formando dei “noduli” dove si svolge lo scambio nutrienti-carbonio.
Le uniche piante che non accettano questo tipo di simbiosi sono le pinaceae, gli abeti e le querce. Quelle che la accettano sono talmente tante che è quasi impossibile elencarle, nel dubbio la Seedsun offre comunque consulenza basta contattarli. (n.d.t. per ciò che riguarda l’orto pare che la famiglia delle brassicacee dia dei problemi)

Quali gli effetti della simbiosi?
Il più evidente è un aumento del tasso di sopravvivenza. Si è notato che le piante inoculate resistono meglio a stress e malattie, in alcuni casi, ma dipende dal tipo di micorriza, si è riscontrato anche un aumento di crescita a causa di un maggior apporto di fosforo. Per ciò che riguarda la struttura del terreno, le micorrize, favoriscono la stabilizzazione del suolo e limitano il dilavamento. I funghi dalla pianta inoculata si estenderanno fino a colonizzare quelle circostanti permettendo la ricostruzione di un ecosistema stabile e sano. Le piante diventano così oasi fertili di materia organica, livelli più alti di nutrienti e di circolazione degli stessi.

Partecipa!
I risultati delle sperimentazioni di Seedsun sono incoraggianti, dimostra un tasso di crescita più rapido ed una maggiore resistenza delle coltivazioni nella maggior parte delle aree aride della Spagna e della Tanzania dove è stato sperimentato il sistema.
Seedsun ha organizzato e costruito la pagina web da cui sono estratte queste informazioni perché, chi fosse interessato, potesse condurre i propri esperimenti e studi e, nel caso, condividerli. Gli studi sono, infatti, ancora in corso e sarebbe utile per loro raccogliere dati su come il loro sistema funziona in diversi ambienti, climi, tipologie di suolo e cultivar.

I metodi per farsi l’inoculo
L’inoculo può essere prodotto sia in vaso che in “buche-trappola”. Il sistema è praticamente identico.
Se decidete di iniziare una sperimentazione comunicatelo a Seedsun, raccontategli che procedure avete seguito e che risultati avete raggiunto, se avete trovato il sistema utile e se i benefici valevano gli sforzi.
Il primo passo per partecipare è completare il modulo di partecipazione (questo è un modulo di esempio completato per una sperimentazione in Tanzania). Una volta completato questo permetterà di raccogliere fondamentali informazioni sulle condizioni in cui farete la sperimentazione, inclusi dati climatici, tipologia di suolo e specie vegetali che coltiverete nei vasi “trappola”. Gli permetterà, inoltre, di verificare che la sperimentazione sia possibile ed utile.
Una volta impostata la sperimentazione si dovrà mantenere un canale comunicativo aperto per tenerli informati dei progressi. Dal canto loro, i tecnici, di Seedsun sono contattabili per consigli e suggerimenti.

Loro potranno darvi informazioni e supporto su:
Dove prelevare il terreno per lo starter
Come allestire una “buca-trappola” per preparare il proprio inoculo
Come mantenere la “buca-trappola”
Come raccogliere l’inoculo
Come usare l’inoculo
Come organizzare una sperimentazione
Come registrare i progressi delle piante inoculate e non inoculate

Di cosa avrete bisogno

• Una zona dove scavare una buca o posizionare i vasetti
• Sacchi in plastica o altri contenitori impermeabili (da 5 litri o più)
• Una vanga o altri strumenti per scavare
• Semi
• Acqua

1. Raccogliere il suolo per lo “starter”

Materiale: una vanga ed un sacco o una carriola per trasportare la zolla

Dove? l’ottanta percento della vegetazione accetta simbiosi micorriziche. Le radici “occupate”, le spore e le ife sono presenti nel terreno e possono svilupparsi infestando altre piante. Si può essere ragionevolmente sicuri di ottenere un buono starter prelevando zolle di suolo da aree di terreno “non disturbato” dove crescano specie autoctone di alberi, cespugli ed erbe perenni.
Il posto migliore, è comunque sotto a vegetazione autoctona evidentemente sana che cresca in zone non coltivate da diverso tempo. Non sarebbe male se lo starter provenisse da piante della stessa specie che si intende coltivare.

Metodo: ripulite 0.5 m2 di terreno sotto la pianta che avete scelto. Scavate ad una profondità di 25cm raccogliendo più radici possibili. Meglio se la raccolta viene eseguita sotto diversi alberi o cespugli. In caso di terreni sassosi conviene prima eliminare le pietre più grandi.

2. Riprodurre la micorriza
Per riprodurre la micorriza si possono utilizzare “vasi-trappola” o “buche-trappola”. Con questo sistema si sviluppano piante annuali dipendenti micorriza dipendenti nel suolo raccolto. Queste “piante esca” annuali verranno infestate dal fungo provocandone la moltiplicazione. Spesso due “piante esca” vengono coltivate contemporaneamente in modo da sviluppare differenti tipologie di micorrize. Una specie appartiene alle graminacee o alle liliacee e la seconda alle leguminose. Combinare mais e fagioli da ottimi risultati in quanto si supportano vicendevolmente nella crescita. La scelta è comunque legata a cosa cresce bene nella vostra zona e a cosa avete di disponibile.

Esempi di specie utilizzabili:
Graminacee: mais, miglio, sorgo, orzo, grano
Liliacee: porri, cipolle
Leguminose: alfalafa, fagioli, trifoglio, piselli, lenticchie

Materiali: vanga, sacchi di plastica o altri contenitori (da 5l o più), semi delle specie selezionate, acqua.

Dove: il posto migliore dove mantenere la coltura è in uno spazio di cui non si abbia bisogno per almeno tre mesi ma che si facilmente controllabile. Ci sarà bisogno di bagnare ad intervalli regolari, luce e protezione dagli erbivori.

Metodo: portate il terreno che userete come “starter” nel luogo prescelto e riempite i vasi di plastica o i contenitori (la quantità è data dalla vostra necessità di inoculo). In alternativa si può scavare un bacino nel terreno e rivestirlo con un foglio di plastica o con altro materiale impermeabile (i sacchi dell’immondizia dovrebbero funzionare). Questo è il sistema chiamato “buca-trappola”. Lo scavo dovrà essere di circa 100cm x 50cm per una profondità di 50cm e rivestito con il foglio di plastica. Assicuratevi che il foglio ricopra perfettamente la buca sporgendo di qualche centimetro dai bordi e foratelo per permettere il drenaggio dell’acqua. Riempite la fossa avendo precedentemente fermato i bordi con dei sassi. Tenete i semi delle specie che avete deciso di utilizzare per lo sviluppo delle micorrize a mollo per una notte. Piantate i semi più vicini del normale, alternando le specie.

Nota: la terra rimossa per fare la trappola potrebbe essere utilizzata per riempire la buca fatta per prelevare lo starter.

3. Prendersi cura dei vasi o delle buche trappola
Una volta preparati i vasi o le buche potete quasi dimenticarvele. Bagnate regolarmente.
In questo periodo le radici delle piante “esca” si svilupperanno associandosi alle micorrize. In base alle stagioni dovrete, forse, fare attenzione a evitare prolungate esposizioni al sole o improvvise gelate. Se le “trappole” sono in vaso vi sarà sufficiente spostarle al riparo.

4. Tre mesi dopo…
Dieci giorni prima di utilizzare l’inoculo le piante “esca” dovrebbero essere tagliate al colletto e si dovrebbe smettere di bagnare. Questo procedimento uccide le piante e costringe le micorrize a produrre spore. Quindi, dopo dieci giorni, l’inoculo viene preparato estirpando le radici delle esche, sminuzzandole in pezzi di circa 1cm e mescolandole nuovamente al terreno della trappola. Questo mix di terra e radici è l’inoculo.

5. Usare l’inoculo
L’inoculo potrà essere usato su una gran varietà di piante: alberi, arbusti, ortaggi o piante da giardino. Le cure da adottare sono quelle solite. Una piccola aggiunta di compost potrebbe essere di aiuto ma non utilizzate mai fertilizzanti o erbicidi.

Inoculare gli alberi, dal seme:
Materiali: inoculo, semi, vasi, terra, compost.

Metodo: 2/3 del vaso vanno riempiti di normale terra, volendo si può aggiungere un po’ di compost. Sopra a questa base si stende uno strato di inoculo e sopra a questo un altro strato di terra in cui andremo a piantare il seme. Lo strato di inoculo potrà essere anche solo di un paio di centimetri. In questo modo, quando le radici si svilupperanno, entreranno in contatto con il fungo venendone infettate. Le cure da prestare agli alberi saranno quelle normali così come il periodo per i trapianti. Gli alberi inoculati con micorrize dovrebbero godere di una maggiore resistenza a periodi di siccità ed aumenteranno le potenzialità di sviluppo delle micorrize nel terreno circostante.

Inoculare gli alberi, già sviluppati:
Materiali: inoculo, alberello, vanga.

Metodo: scavate un buco dove pianterete l’albero e riempitelo con un’abbondante palettata di inoculo. Posizionate l’alberello nella buca e coprite ancora le radici con un leggero strato di inoculo quindi coprite tutto di terra. Se volete aggiungere del compost, scavate una buca leggermente più profonda, posizionate il compost sul fondo, coprite con uno strato di terra e quindi mettere la palettata di inoculo.

Inoculare coltivazioni da campo:
Metodo: mettete un pizzico di inoculo in ognuno dei buchi in cui andrete a seminare, oppure mescolate un paio di manciate di inoculo con i semi e poi procedete come di norma. Se state trapiantando, immergete le radici in acqua e quindi intingetele nell’inoculo in modo da rivestirle completamente, quindi procedere normalmente.

Nel caso vi avanzasse dell’inoculo, potete ricoprirlo nuovamente con del terreno “starter” e seminare nuovamente con piante esca ripetendo il ciclo. In questo modo ci si assicura una riserva per tutto l’anno.

6. Iniziare una sperimentazione – cose da considerare

Etichettate le piante
1. Tenete attentamente nota di dove avete collocato ogni singola pianta e a che trattamenti l’avete sottoposta, se l’avete sottoposta. Può aiutare numerare ogni singola piantina.
2. Le etichette non devono essere intaccabili dagli elementi. Alla Sunseed usano marchiare M per le piante inoculate e NM per quelle non inoculate.

Schema di piantagione per piante M e NM
1. Non piantate troppo vicino. Una maggiore distanza diminuisce il rischio di diffusione delle micorrize su piante non trattate.
2. Sarebbe preferibile, ma non fondamentale, che le piante M e NM fossero piantate in maniera casuale. Questo riduce la possibilità che fattori ambientali influenzino i risultati.

Progettare la sperimentazione

Vale la pena perdere due minuti considerando dove e quando effettuare la ricerca, di quanto spazio si dispone e di quanto sarete in grado di occuparvi delle piantine. Le “trappole” andrebbero preparate almeno tre mesi prima della prevista messa a dimora delle piantine (o semina) così da permettere alla colonia micorrizia di raggiungere la completa maturità.

Cercate di inserire il sistema dell’inoculo di micorriza in qualsiasi tipo di coltivazione facciate. Ma se avete uno spazio libero e volete fare una sperimentazione più rigorosa gli schemi riportati qui sotto potrebbero aiutarvi. Il primo è uno schema non causale, il vantaggio è quello di avere un’immediata e facile comparazione, lo svantaggi è che può essere facilmente influenzato da fattori esterni. Vento, differenti composizioni del suolo, finestre di luce/ombra potrebbero influenzare la crescita delle piante indipendentemente dai trattamenti. L’utilizzare una progettazione “casuale”, in questo caso, permette di ridurre la possibilità di influenze esterne.

Se avete il tempo e le risorse per impostare una sperimentazione la Sunseed vi darà tutto l’appoggio possibile. Potete contattarli per esporgli il vostro progetto.

7. Come registrare i progressi delle vostre piante inoculate e non
Per aiutare nella registrazione dei dati la Sunseed ha creato uno modulo in cui vengono riportati sia l’altezza che il tasso di sopravvivenza. Di primo acchito il modulo può sembrare astruso, ma non spaventatevi! Le istruzioni sono chiare e complete e vi è stato aggiunto anche un esempio di registrazione. I dati non sono reali ma vi daranno un’idea di come i dati andrebbero presentati.

Dovrete tenere sotto controllo costante le piante sui due fattori chiave: “sopravvivenza” e “altezza”

“Sopravvivenza” è la semplice registrazione di quante piantine inoculate e di “controllo” resistono e si sviluppano o muoiono, ed è sicuramente meno impegnativo che non la misurazione.

“Altezza” è un dato più complesso e alla Sunseed si aspettano di ricevere dati esclusivamente se chi esegue gli esperimenti ha sufficiente tempo o un numero limitato di piante sperimentali. Il sistema di controllo dell’altezza deve essere preciso, fatto sempre con lo stesso strumento, possibilmente in millimetri e possibilmente sempre dalla stessa persona.

La frequenza delle misurazione dipende da voi, più è regolare, meglio è. Di prassi vengono effettuate misurazioni ogni due settimane in serra e una volta al mese dopo il trapianto in pieno campo. Si raccomanda comunque di non eccedere il mese tra una misurazione e l’altra.

Oltre alle misurazione si incoraggiano commenti aggiuntivi specifici per le singole piante (es. mangiata da parassiti, rotta dai bambini ecc…) o su fattori esterni (es. grandinate, infezioni su larga scala ecc…).

Tutte le informazioni saranno utili per la ricerca. L’obbiettivo della Sunseed è quello di raccogliere dati dalla maggior varietà di siti e situazioni. I risultati inviati non verranno pubblicati senza la vostra autorizzazione e verrete informati nel caso di pubblicazione.



L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

Prese al volo e rilanciate

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 737,672 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: