23
Dic
10

Oh! Oh! Oh!

Credo di averlo già detto.

Una delle cose che più mi da godimento dell’essere “fuori” (chissà da che cosa poi) è il potersi tranquillamente riappropriare di festività altrimenti retoriche.

Buon Natale.

Non preoccuparti del futuro.
Oppure preoccupati ma sapendo che questo ti aiuta quanto masticare un chewing-gum per risolvere un’equazione algebrica.

I veri problemi della vita saranno sicuramente cose che non ti erano mai passate per la mente, di quelle che ti pigliano di sorpresa alle quattro di un pigro martedì pomeriggio.

Fa’ una cosa ogni giorno che sei spaventato: canta!

Non essere crudele col cuore degli altri.
Non tollerare la gente che è crudele col tuo.

Lavati i denti.

Non perdere tempo con l’invidia: a volte sei in testa, a volte resti indietro.
La corsa è lunga e, alla fine, è solo con te stesso.

Ricorda i complimenti che ricevi, scordati gli insulti.
Se ci riesci veramente, dimmi come si fa…

Conserva tutte le vecchie lettere d’amore,
butta i vecchi estratti-conto.

Rilassati!

Non sentirti in colpa se non sai cosa vuoi fare della tua vita.
Le persone più interessanti che conosco a ventidue anni non sapevano che fare della loro vita.
I quarantenni più interessanti che conosco ancora non lo sanno.

Prendi molto calcio.

Sii gentile con le tue ginocchia,
quando saranno partite ti mancheranno.

Forse ti sposerai o forse no.
Forse avrai figli o forse no.
Forse divorzierai a quarant’anni.
Forse ballerai con lei al settantacinquesimo anniversario di matrimonio.
Comunque vada, non congratularti troppo con te stesso,
ma non rimproverarti neanche: le tue scelte sono scommesse,
come quelle di chiunque altro.

Goditi il tuo corpo,
usalo in tutti i modi che puoi,
senza paura e senza temere quel che pensa la gente.
E’ il più grande strumento che potrai mai avere.

Balla!
Anche se il solo posto che hai per farlo è il tuo soggiorno.

Leggi le istruzioni, anche se poi non le seguirai.
Non leggere le riviste di bellezza:
ti faranno solo sentire orrendo.

Cerca di conoscere i tuoi genitori,
non puoi sapere quando se ne andranno per sempre.
Tratta bene i tuoi fratelli,
sono il miglior legame con il passato
e quelli che più probabilmente avranno cura di te in futuro.

Renditi conto che gli amici vanno e vengono,
ma alcuni, i più preziosi, rimarranno.
Datti da fare per colmare le distanze geografiche e gli stili di vita,
perché più diventi vecchio, più hai bisogno delle persone che conoscevi da giovane.

Vivi a New York per un po’, ma lasciala prima che ti indurisca.
Vivi anche in California per un po’, ma lasciala prima che ti rammollisca.

Non fare pasticci con i capelli: se no, quando avrai quarant’anni, sembreranno di un ottantacinquenne.

Sii cauto nell’accettare consigli,
ma sii paziente con chi li dispensa.
I consigli sono una forma di nostalgia.
Dispensarli è un modo di ripescare il passato dal dimenticatoio,
ripulirlo, passare la vernice sulle parti più brutte
e riciclarlo per più di quel che valga.

Ma accetta il consiglio… per questa volta.

 

da “the Big Kahuna


10 Responses to “Oh! Oh! Oh!”


  1. 1 mafalda
    dicembre 24, 2010 alle 8:13 am

    Grazie, è un bellissimo regalo di natale anche perchè finalmente ho un bel film da vedere🙂, inoltre arriva a proposito (periodo nero :().
    una volta avevo un sogno, riempire le pareti di casa con le sentenze migliori che trovavo in giro… ad avere tempo una parete sarebbe dedicata a questa.
    Buon natale a tutta la famiglia un abbraccissimo.

    • dicembre 24, 2010 alle 4:15 pm

      Io l’ho fatto una volta ma poi sembrava di avere una parete per i trofei di caccia🙂
      Tienile in testa a roteare come biglie… magari ad un certo punto si mischiano e generano paradigmi nuovi🙂
      Buon Natale!!

  2. 3 medo
    dicembre 24, 2010 alle 9:51 am

    Appena sveglio, stamattina su France Culture ri-parlavano della truffa del Natale moderno (della truffa del Natale classico, si parla da 2000 anni). Tra Babbo Natale bianco-rosso inventato dalla Coca-Cola e renne volanti idem.

    Bene, sappiate che Babbo Natale ha un solo padre accertato nella cultura europea ed egli è “Padre Frustatore”, Hans Trapp in alsaziano. Una tradizione di bastonatore di bambini, trasformato in gigante buono dalle multinazionali. Il primo barbone natalizio appartenente alla vera iconografia natalizia laica.
    http://fr.wikipedia.org/wiki/Hans_Trapp

    Buone bastonate a tutti. Nicola, mi rispondi alla mail?
    Gracias

  3. 4 Camille
    dicembre 24, 2010 alle 11:02 am

    Aggiungo che fregandosi della truffa multinazionale, la cosa più interessante della cronaca della radio stamattina è la spiegazione del volo delle renne : sono dei drogati che si mangiano un sacco di funghi Amanita muscari – famosi per le loro proprietà allucinogeni. Si sospetta che babbo natale, come gli alevatori di renne del Nord Europa si faccia dei cocktails con urina psichedelica e vodka finlandese, il che spieggherebbe ubiquità e produttività fuori norma. Sur ce , Buon Natale/ Solstizio/ festa del cioccolato e del diritto alla pigrizia / a tutti.

  4. 5 Camille
    dicembre 24, 2010 alle 11:18 am

    Dimenticavo : la cronaca era basa sull’articolo di una rivista farmaceutica inglese a proposito dell’uso delle droghe da animali e che si trova qui : http://www.pjonline.com/christmas/pj2010_723

  5. 6 Medo
    dicembre 24, 2010 alle 11:45 am

    Per tranquillizzare i presenti: Camille è la mia fidanzata e scrive in modo naïf perchè sotto l’effetto di se stessa.

  6. dicembre 24, 2010 alle 4:13 pm

    Per tranquillizzare i presenti: Camille e Medo scrivono così perchè hanno una duratura relazione sentimentale-fisica che dimostra come il buon vecchio detto “chi si somiglia si piglia” sia corretto. Per estensione della regola sono anche nostri amici.
    I comenti di Camille sono un gran bel regalo di natale per il blog (Che spero sempre un giorno acquisti vita propria e la smetta di chiedere di essere riempito🙂 )

  7. dicembre 24, 2010 alle 4:15 pm

    Bellissimo questo testo tratto da The Big Kahuna, andrò a vedermi il film.
    Buone Feste,
    Davide

  8. 10 luigi
    dicembre 28, 2010 alle 12:39 pm

    evabbe’…allora ditelo!!!!

    Buon anno a tutti.
    Se vi serve ho trovato uno spacciatore di serre a buon prezzo.. il formato e’ grandino ma puo’ tornare utile.. Campata 8mt x lunghezza a scelta (in genere 50 mt).


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


L’ orto di carta

Diario di bordo ad aggiornamento casuale e saltuario di un cialtrone nell'orto... giocando con il fango, la permacultura, l'agricoltura sinergica in compagnia di William Cobbett, John Seymour, Fukuoka e Kropotkin.

Per Contattarmi:

Aggiornamenti via mail?

Parte della libreria di OrtodiCarta

Prese al volo e rilanciate

how to be free manifesto

Pastafarian Blog

Accessi dal 8 aprile 2008:

  • 714,550 hits
Add to Technorati Favorites

Troverò altri sistemi di finanziamento occulto…

Foto di Carta

spina

gorgogliatore

fermentatore

Altre foto

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: